Cerca

Primo PianoPrimo Piano

Commenti: Vai ai commenti

6 gennaio: Con il Congresso sotto attacco, Meadow riceveva implorazioni per Trump

Il capo di Gabinetto dell'ex presidente rinviato a giudizio e intanto emergono i particolari di quella maledetta giornata in cui Trump non rispondeva...

Attack on Capitol Hill. January 6, 2021. (Wikimedia Commons)

Le drammatiche comunicazioni tra Mark Meadow e i politici repubblicani e giornalisti “amici” di Trump mentre era in corso l’assalto al Campidoglio

Dalle stelle alle stalle in poco più di un anno. Mark Meadows è il secondo capo di gabinetto di un presidente ad essere rinviato a giudizio. Il primo è stato Bob Haldeman, condannato per le sue bugie sul Watergate. Scontò la condanna al Lompoc Federal Prison in California. Per buona condotta venne rilasciato dopo 18 mesi.

Mark Meadows – Wikimedia

Ora la Camera, dopo che Meadows è stato accusato di oltraggio alla Camera per essersi rifiutato di testimoniare davanti alla Commissione d’inchiesta, deve decidere se deferirlo alla giustizia ordinaria, un fatto dato per scontato poiché i democratici hanno la maggioranza e non tutti i repubblicani sono contrari a fargli fare compagnia con Steve Bannon, l’ex guru politico di Trump, che andrà sotto processo il 18 luglio.   

Con il passare delle ore emergono molti particolari sulle drammatiche comunicazioni tra l’ex capo di gabinetto di Trump e politici repubblicani e giornalisti “amici” mentre era in corso l’assalto al Campidoglio. Il figlio maggiore del presidente ha supplicato Mark Meadows di convincere suo padre a fare di più per porre fine alla violenza. “Deve condannare questa [merda] al più presto. Il tweet della polizia del Campidoglio non è abbastanza”, è il messaggino di Donald Trump Jr., uno dei text message forniti da Meadows alla Commissione. Meadows risponde a Don Jr: “Sto spingendo al massimo. Concordo”.

Questi text message sono stati rilasciati dal comitato, presi dalla documentazione che inizialmente Mark Meadows aveva consegnato agli inquirenti che mostrava legislatori, assistenti e persino giornalisti di Fox News che lo imploravano di fare pressione sull’ex presidente affinché cercasse di calmare gli animi. Ma per oltre quattro ore Trump non ha ascoltato le loro chiamate.

Tra i messaggi delle star Fox:

— “Ehi Mark, il presidente ha bisogno di dire alle persone in Campidoglio di andare a casa… questo ci sta danneggiando tutti… sta distruggendo la sua eredità”, ha scritto Laura Ingraham.

— “Per favore, mandalo in tv. Distrugge tutto ciò che hai realizzato”, ha scritto Brian Kilmeade.

— “Può fare una dichiarazione? … Deve chiedere alle persone di lasciare il Campidoglio”, ha esortato Sean Hannity.

Trump as “The Great Dictator” (Illustration by Antonella Martino)

Messaggini che hanno evidenziato gli stretti legami tra Trump e Fox News che in tutti i modi ha cercato di minimizzare la portata del tentativo insurrezionale. I membri del panel hanno affermato che la testimonianza di Meadows su questi text message è cruciale perché solo lui può chiarire come ha risposto a questi messaggi o con chi ha parlato e quali azioni ha intrapreso Trump in risposta. Un congressman, del quale per ora non è stato rivelato il nome, ha dichiarato a Meadows: “Il 6 gennaio 2021, il vicepresidente Mike Pence, in qualità di presidente del Senato, dovrebbe dichiarare nulli i voti elettorali”.

Un altro congressman non identificato ha scritto a Meadows il giorno dopo l’attacco scusandosi: “Ieri è stata una giornata terribile. Abbiamo provato tutto il possibile per cercare di bloccare la certificazione in 6 stati. Mi dispiace che niente abbia funzionato”.

Pro-Trump protesters storm the grounds of the US Capitol, in Washington, DC, USA, 06 January 2021. – ANSA/EPA/WILL OLIVER

“È davvero brutto quassù sulla collina”, afferma un messaggino letto questa mattina dalla vicepresidente della commissione, la repubblicana Liz Cheney. “Il presidente deve fermare questo al più presto”, si legge in un altro. “Trova una soluzione ora”, c’è scritto in un altro. Messaggi che rivelano una disconnessione tra il modo in cui gli autori dei messaggi temevano privatamente la violenza dei sostenitori di Trump e come in seguito hanno minimizzato il tentativo di insurrezione. La stessa Laura Ingraham più tardi in televisione quella sera ha suggerito che i rivoltosi non erano sostenitori dell’allora presidente. Anche Hannity dopo l’attacco al Campidoglio ha minimizzato le azioni dei rivoltosi, dicendo durante il suo programma su Fox News che “la maggior parte erano dimostranti pacifici”.

Con pochissime eccezioni, i membri repubblicani del Congresso si sono opposti alla formazione della Commissione d’inchiesta che indaga sull’insurrezione del 6 gennaio. Inoltre, 147 repubblicani hanno votato il 6 gennaio contro la certificazione della vittoria elettorale di Joe Biden. Da ricordare che al Senato i repubblicani hanno fatto muro e hanno respinto la richiesta di impeachment per Trump per il tentativo insurrezionale.

Circa quattro ore dopo l’inizio della rivolta, Trump ha chiesto ai suoi sostenitori di lasciare il Campidoglio, giustificando le loro azioni continuando con le sue false affermazioni di aver perso le elezioni a causa delle frodi elettorali. Tra i rivoltosi c’erano membri delle milizie di destra, pro-Trump, tra cui Proud Boys e Oath Keepers. A questo proposito l’ Attorney General del District Of Columbia, Karl Racine martedì ha intentato una causa civile per danni contro i gruppi di estrema destra Proud Boys e Oath Keepers per il loro ruolo nell’attacco del 6 gennaio al Campidoglio. L’atto di citazione di 84 pagine elenca anche dozzine di persone, violazioni delle leggi locali del District of Columbia, incluso il “Ku Klux Klan Act” del 1871, che prende di mira le cospirazioni violente.

“Le immagini di quel giorno vergognoso e spregevole non potranno mai essere cancellate”, ha detto Racine in una conferenza stampa in cui annunciava l’azione legale. “Era come l’11 settembre, un attacco terroristico pianificato, ma questa volta i nostri cittadini erano decisi a distruggere le libertà e gli ideali su cui il nostro Paese è stato fondato e continua a aspirare a raggiungere”.

Racine chiede agli imputati importi non specificati per le lesioni e i danni causati nell’attacco. La denuncia segue un contenzioso simile presentato da un gruppo di agenti della polizia del Campidoglio e un’altra causa del NAACP e del congressman Bennie Thompson, presidente della Commissione d’inchiesta. Tali azioni legali si rifanno al Ku Klux Klan Act, che rende illegale l’uso della forza o delle minacce per impedire agli agenti e funzionari federali di svolgere i loro doveri ufficiali. Ma mentre altre cause per danni nominavano l’ex presidente Trump e i suoi stretti alleati come imputati, la causa dell’Attorney General di Washington DC non lo fa. Invece, prende di mira i due gruppi di estrema destra e dozzine di loro membri di spicco, molti dei quali incriminati penalmente per il loro ruolo nel tentativo insurrezionale.

Illustration by Antonella Martino

Mark Meadows è un ex deputato del North Carolina. Si è rifiutato di comparire davanti al panel per discutere di queste comunicazioni. E si è anche rifiutato di presentare qualsiasi documento relativo alle sue corrispondenze con lo stesso Trump, citando i poteri di privilegio esecutivo dell’ex presidente. La mancanza di cooperazione ha creato molti buchi nella narrativa degli avvenimenti del 6 gennaio, in particolare quando si tratta delle azioni di Trump, lacune che gli investigatori vogliono colmare il prima possibile. Sebbene Meadows abbia offerto volontariamente moltissime informazioni agli investigatori, lunedì sera la Commissione d’inchiesta ha votato per raccomandare che venga processato per oltraggio al Congresso per essersi rifiutato di testimoniare. Ciò stabilisce un voto della Camera per deferire Meadows al Dipartimento di Giustizia per l’accusa, rendendolo il secondo membro della cerchia ristretta di Trump sotto la minaccia di accuse penali per mancata collaborazione, dopo che Stephen Bannon è stato incriminato a ottobre. Meadows non è estraneo alle controversie. L’ex legislatore del Tea Party di quattro mandati è arrivato al Congresso nel 2013 e si è rapidamente costruito una reputazione come un tifoso conservatore disposto a sfidare la propria leadership.

In qualità di leader del House Freedom Caucus di estrema destra, ha contribuito a mandare in pensione anticipata l’allora relatore John Boehner, quindi ha combattuto con successo per bloccare Kevin McCarthy, il Capo della minoranza alla Camera, dal suo successore. Meadows ama dire che calcola sempre la sua prossima mossa, una strategia che è paragonata a giocare a “scacchi a 10 dimensioni”. Al Congresso, le sue tattiche spregiudicate – e la sua devozione a Trump – gli sono valse le lodi degli altri lealisti di Trump e alla fine gli hanno procurato un lavoro nel West Wing della Casa Bianca come braccio destro di Trump. Ma ha fatto infuriare i Democratici, i vertici repubblicani e i legislatori più moderati nel GOP.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter