Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

COVID-19 ed economia: la pandemia sta peggiorando la povertà e l’ineguaglianza

Per l'ONU le misure di quarantena sono efficaci nel rallentare la diffusione del virus, ma stanno pesando molto su posti di lavoro e reddito in tutto il mondo

Conferenza Stampa: Mr. Elliott Harris, Assistente segretario generale per lo Sviluppo economico e capo economista, Dipartimento delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali (DESA), sul lancio dell'aggiornamento di metà anno della situazione economica e delle prospettive mondiali.

I paesi in via di sviluppo, in particolare quelli che dipendono dal turismo per la maggior parte delle loro entrate, stanno già sentendo il peso sulla loro economia. Le misure di quarantena influiscono in modo sproporzionato sui lavori che richiedono scarse qualifiche e con salari bassi, mentre i lavoratori più qualificati sono meno colpiti.

In English

Il 13 maggio, l’Assistente Segretario Generale per lo Sviluppo Economico e Capo Economista del Dipartimento per gli Affari Economici e Sociali delle Nazioni Unite (DESA) Elliott Harris ha presentato l’aggiornamento di metà anno della situazione economica e delle prospettive mondiali.

Secondo Harris, la pandemia sta causando danni all’economia “su scala e velocità senza precedenti”. In effetti, il collasso economico globale che la diffusione del COVID-19 sta causando è il peggiore della storia moderna dopo la Grande Depressione e ha portato alle più severe restrizioni alla circolazione di persone e merci nella storia. Si prevede che l’economia mondiale si ridurrà del 3,2% nel 2020, e per il 2021 è previsto solo un modesto rialzo.

Le misure di quarantena sono efficaci nel rallentare la diffusione del virus, ma stanno pesando molto su posti di lavoro e reddito in tutto il mondo. I tassi di disoccupazione sono aumentati in tutti i paesi colpiti, soprattutto nei lavori a basso reddito che prevedono uno stretto contatto con le persone. I settori che hanno sofferto di più sono il turismo, i trasporti, la vendita al dettaglio e l’ospitalità. Sono stati persi più di 30 milioni di posti di lavoro solo negli Stati Uniti e, secondo alcune previsioni, ci saranno altri 160 milioni di persone che potrebbero cadere in povertà estrema entro il 2030. “I governi devono contenere la diffusione della pandemia e, a allo stesso tempo, ridurre al minimo il suo impatto economico”, afferma Harris, il che richiede un complicato bilanciamento tra salvare vite umane e salvare posti di lavoro.

Inoltre, non è una sorpresa che la pandemia stia peggiorando la povertà e la disuguaglianza in tutto il mondo. I paesi in via di sviluppo, in particolare quelli che dipendono dal turismo per la maggior parte delle loro entrate, devono ancora essere fortemente colpiti dal virus, ma ne stanno già sentendo il peso sulla loro economia. Le misure di quarantena influiscono in modo sproporzionato sui lavori che richiedono scarse qualifiche e con salari bassi, mentre i lavoratori più qualificati sono meno colpiti. Le enormi perdite di posti di lavoro hanno spinto e continuano a spingere milioni di persone in condizioni di estrema povertà, e si stima che il 56% di queste persone provenga da paesi africani. Pertanto, la crisi contribuirà probabilmente a peggiorare la disuguaglianza non solo all’interno, ma anche tra i paesi.

Le differenze tra i paesi emergono anche quando si confrontano le diverse misure fiscali che i governi hanno adottato per affrontare la crisi. I paesi sviluppati sono stati in grado di creare pacchetti fiscali che superano il 10% del loro PIL per far fronte alle ricadute economiche, mentre i paesi in via di sviluppo con deficit fiscali e grandi debiti pubblici affrontano vincoli nell’attuazione di uno stimolo fiscale sufficientemente ampio. Questi sono anche paesi che rischiano maggiormente di cadere in una crisi del debito in futuro. In ogni caso, è improbabile che le misure di stimolo possano rilanciare l’economia fino a quando la situazione della sanità pubblica non si stabilizzerà.

Tuttavia, anche dopo che il picco della pandemia sarà finito, senza un trattamento efficace e un vaccino pronto, i governi e i consumatori dovranno probabilmente adattarsi a una nuova normalità. Il distanziamento sociale probabilmente modificherà i modelli di produzione e consumo, il che a sua volta potrebbe aumentare l’automazione della produzione e della consegna di beni e servizi. Questi cambiamenti avrebbero anche implicazioni per la disuguaglianza di posti di lavoro e di reddito.

Nonostante la minaccia che questa pandemia rappresenta per la globalizzazione, una cooperazione internazionale più forte rimane fondamentale per contenere il virus ed estendere l’assistenza finanziaria ai paesi più bisognosi. Le Nazioni Unite, che potrebbero svolgere un ruolo cruciale nel consentire finanziamenti multilaterali, hanno chiesto un approccio trifase per affrontare le vulnerabilità del debito dei paesi in via di sviluppo: congelamento del servizio del debito per i paesi in via di sviluppo bisognosi; considerazione di opzioni compatibili con SDG per la sostenibilità del debito; e riforma dell’architettura del debito internazionale. Tuttavia, alla fine, “Quanto velocemente ed efficacemente la comunità internazionale sarà in grado di contenere le ricadute socio-economiche della pandemia determinerà se e quanto presto il mondo potrà tornare ai livelli pre-crisi di attività economica “, conclude Harris.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter