Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Le ambizioni delle Nazioni Unite per una rinascita globale più sana e sostenibile

Di fronte agli impatti devastanti di COVID-19 i paesi si incontrano al Forum politico delle Nazioni Unite per tracciare la via dello sviluppo sostenibile

La pandemia conta 500.000 vittime e sono stati confermati più di dieci milioni di casi. Le economie sono crollate, la disoccupazione è alle stelle e i sistemi sanitari si piegano in molti paesi. Di fronte a questa emergenza, che minaccia decenni di progressi nel miglioramento della vita umana, i paesi si incontrano al Forum Politico di Alto Livello delle Nazioni Unite (United Nations High-Level Political Forum) per discutere sullo sviluppo sostenibile e aprire le migliori strade per un mondo più sano. La necessità è quella di ricostruire, facendolo meglio di prima.

“Se fossimo stati ulteriormente progrediti nel rispetto degli obiettivi di sviluppo sostenibile e dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, potremmo affrontare meglio questa sfida: con sistemi sanitari più forti, meno persone che vivono in condizioni di estrema povertà, meno disuguaglianze di genere, un ambiente naturale più sano e altro società resilienti”, ha dichiarato il Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres.

Il Forum Politico delle Nazioni Unite si terrà dal 7 al 16 luglio ed è stato convocato dal Consiglio economico e sociale delle Nazioni Unite (ECOSOC), che ha riunito oltre 1000 partecipanti, tra cui circa 100 membri dei governi, rappresentanti delle imprese, della finanza e della società civile. Si esamineranno i progressi negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile (OSS), si esploreranno soluzioni, sia nazionali che multilaterali, per rispondere alla crisi e ricostruire solide basi.

Il 6 luglio, ECOSOC ha riunito gli organi di esperti del Consiglio e il sistema delle Nazioni Unite, per analizzare le proposte politiche sul tema dello sviluppo sostenibile 2020 di ECOSOC e United Nations High-Level Political Forum (HLPF).

La riunione è stata presieduta dal Vicepresidente armeno di ECOSOC Mher Margaryan.
“La pandemia è un campanello d’allarme per rafforzare la collaborazione internazionale… Possiamo avere successo solo attraverso una risposta multilaterale coordinata, una forte leadership politica e una solidarietà globale con le persone più vulnerabili” ha dichiarato l’ambasciatrice Mona Juul, Presidente di ECOSOC.

Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile

Sono intervenuti anche Christian Braun, della Commissione dell’ONU sulla Popolazione e lo Sviluppo e Rappresentante permanente del Lussemburgo alle Nazioni Unite, Guy Ryder, Direttore Generale dell’Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO), Qu Dongyu, Direttore Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) e Achim Steiner, Amministratore del Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo (UNDP).

“Questi tempi senza precedenti richiedono una riflessione profonda e un’azione forte… Di fronte alla fragilità, i leader devono essere umili e riconoscere l’importanza vitale dell’unità e della solidarietà, sia all’interno che all’esterno delle Nazioni Unite” ha detto il Segretario Generale Antonio Guterres. “ECOSOC è focalizzato sull’integrazione di tutte le dimensioni dello sviluppo sostenibile” per questo “può svolgere un ruolo chiave”.

Tutti questi obiettivi rientrano nell’Agenda 2030, che il Segretario Generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres, ha definito “la stella polare”, in occasione del discorso sul mondo del lavoro. Aveva già sottolineato l’esigenza di creare un ecosistema sostenibile, indirizzando gli investimenti verso economie verdi e tecnologia.

Qu Dongyu Direttore Generale della FAO, ha anche ribadito “questa è una buona opportunità per le nuove tecnologie e per garantire maggiore protezione sociale”.

Oltre alla situazione attuale, il Forum Politico esaminerà anche gli ostacoli che impediscono il progresso degli obiettivi.

Alla fine degli incontri, il 17 luglio, avrà luogo una conversazione di alto livello sulla solidarietà globale e il rinnovato multilateralismo durante i periodi di crisi.

“Sono ispirato dalle vostre visioni e idee per creare una “nuova e migliore normalità” post COVID-19, che rifletta gli ideali dell’Agenda 2030… ECOSOC continua ad essere un’importante piattaforma per l’amplificazione dei messaggi chiave e delle soluzioni provenienti dalle commissioni funzionali ECOSOC e da organismi di esperti… Dobbiamo rafforzare e guidare la collaborazione e il coordinamento per realizzare un decennio di azione e realizzazione per lo sviluppo sostenibile” ha concluso il Vicepresidente dell’ECOSOC Mher Margaryan.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter