Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

L’UNICEF guiderà l’approvvigionamento e la fornitura di vaccini COVID19 nel mondo

L’UNICEF garantirà che tutti i paesi avranno un accesso sicuro, veloce ed equo alle dosi iniziali del vaccino, ma per l’OMS non prima del 2021

Un volontario sanitario riempie una siringa con una dose di vaccino antitetanico nel villaggio di Buaw nella contea di Koch, Sud Sudan. (Foto: UNICEF)

In un comunicato stampa, il Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) ha annunciato che sta guidando gli sforzi per procurare e fornire vaccini COVID-19 in quello che potrebbe essere l’approvvigionamento e la fornitura di vaccini più grande e veloce al mondo, in collaborazione con il Fondo di rotazione della PAHO e come parte del piano vaccinale globale del vaccino COVID-19 Global Access Facility (COVAX Facility), guidata da Gavi, la Vaccine Alliance. La collaborazione include l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), la Coalition for Epidemic Preparedness Innovations (CEPI), l’APHO, la Banca Mondiale, la Bill and Melinda Gates Foundation e altri partner.

L’UNICEF fungerà anche da coordinatore degli appalti per sostenere gli acquisti di 80 economie a reddito più alto, che hanno espresso la loro intenzione di partecipare allo strumento COVAX e finanzierebbero i vaccini con i propri budget.

Lo strumento COVAX è aperto a tutti i paesi per garantire che nessun rimanga senza accesso al futuro vaccino.

Le prime dosi saranno per gli operatori sanitari e sociali, seguiti dai soggetti più ad alto rischio a contrarre il virus.

Margaret Harris, portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) ha affermato che “questa fase 3 deve richiedere più tempo perché dobbiamo vedere quanto sia veramente protettivo e sicuro il vaccino”. Inoltre ha informato che le vaccinazioni non sono previste fino alla metà del 2021.

L’UNICEF è il più grande acquirente di vaccini al mondo e fornisce più di 2 miliardi di dosi di vaccini all’anno per l’immunizzazione di routine e la risposta alle epidemie per conto di quasi 100 paesi. È il principale partner di approvvigionamento di Gavi, la Vaccine Alliance, che negli ultimi 20 anni ha raggiunto oltre 760 milioni di bambini con vaccini salvavita, prevenendo oltre 13 milioni di morti.

Dunque utilizzerà la propria esperienza nella definizione del mercato e nell’approvvigionamento per coordinare l’approvvigionamento e la fornitura di vaccini COVID-19 per lo stabilimento COVAX.

Una valutazione di mercato dell’UNICEF, ha rivelato che i produttori sono disposti a produrre collettivamente quantità di vaccini senza precedenti nei prossimi 1-2 anni. Ma gli investimenti per supportare una produzione di dosi così su larga scala sarebbero dipenderebbero fortemente dal successo delle sperimentazioni cliniche, dall’attuazione di accordi di acquisto anticipato, dalla conferma dei finanziamenti e dalla semplificazione dei percorsi normativi e di registrazione. La valutazione mostra anche un pilastro chiave dell’iniziativa ACT-Accelerator, che è una nuova e rivoluzionaria collaborazione globale per accelerare lo sviluppo e la distribuzione equa di vaccini e terapie per affrontare la pandemia in paesi di tutti i livelli di reddito.

“Questa è una partnership a tutto campo tra governi, produttori e partner multilaterali per continuare la lotta ad alto rischio contro la pandemia COVID-19”, ha affermato Henrietta Fore, Direttore esecutivo dell’UNICEF. “Nella nostra ricerca collettiva di un vaccino, l’UNICEF sta sfruttando i suoi punti di forza unici nella fornitura di vaccini per garantire che tutti i paesi abbiano un accesso sicuro, veloce ed equo alle dosi”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter