Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Intervista ad Antonio Guterres: pandemia, crisi climatica e disuguaglianze, che fare?

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite: "Stupido errore" per le nazioni ricche non sostenere un vaccino Covid-19 per le persone povere

Alla vigilia dell'inizio dei lavori della 75esima Assemblea Generale dell'ONU, Antonio Guterres dichiara che l’avvento di Covid-19 ci ha "messo in ginocchio". Questa dovrebbe essere una lezione di umiltà per i leader mondiali”, peccato che ci sia “una mancanza di solidarietà da parte di alcune nazioni più ricche nei confronti dei paesi in via di sviluppo”. “Pagheremo tutti un prezzo pesante” ha detto il capo delle Nazioni Unite a UN News, in un'intervista esclusiva prima della nuova sessione dell'Assemblea Generale, mentre spera che i leader mondiali e il pubblico, da UNGA75, possano portarsi a casa la comprensione delle priorità. “Assicuriamoci di avere un cessate il fuoco globale. Assicuriamoci di avere un vaccino che sia un bene pubblico globale. Assicuriamoci che quando ricostruiremo le nostre economie, lo faremo per raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050"

English

“Abbiamo bisogno di un vaccino accessibile a tutti e ovunque, perché saremo al sicuro solo se tutti saranno al sicuro”, ha avvertito António Guterres. “Pensare di poter preservare i ricchi e lasciare che i poveri soffrano, è uno stupido errore.”

In un’intervista di ampia gamma, appena prima della storica UNGA75 e per lo più virtuale, il signor Guterres delinea le sue priorità per l’anno a venire, con la minaccia imprevedibile del coronavirus che si sta ancora diffondendo, insieme alle opportunità che vede per cambiare radicalmente per il beneficio a lungo termine di tutti, ovviamente.

Il capo delle Nazioni Unite ribadisce l’imperativo di mettere a tacere le armi attraverso un cessate il fuoco globale in modo che il mondo possa davvero unirsi contro il virus; costruire una vera solidarietà attraverso il “bene pubblico globale” di un vaccino disponibile per tutti; e assicurandosi che il mondo mantenga il riscaldamento globale al di sotto di 1,5 gradi e raggiunga la neutralità del carbonio attraverso l’azione per il clima, entro il 2050.

Sottolinea l’importanza che le donne prendano il potere per se stesse, ponendo fine alle disuguaglianze attraverso un cambiamento epocale negli atteggiamenti come discriminazione, genere, disabilità e pari diritti.

Di seguito, la trascrizione parzialmente modificata dell’intervista, così come il nostro podcast “Lid is On” con l’intervista e il video delle Nazioni Unite che cattura alcuni dei punti salienti, tutti presenti in questa pagina.

Emissioni da una fabbrica a Manhattan, New York (Notizie delle Nazioni Unite / Daniel Dickinson)

Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres: “Sono molto preoccupato. La pandemia ci ha mostrato l’enorme fragilità del mondo. Non solo in relazione al COVID-19, ma anche in relazione al cambiamento climatico, all’illegalità nel cyberspazio, ai rischi di proliferazione nucleare, agli impatti della disuguaglianza nella coesione delle società.

Un virus microscopico ci ha messo in ginocchio. Ciò dovrebbe portare a molta umiltà nei leader mondiali, all’unità e alla solidarietà nella lotta contro Covid-19. Ma sappiamo che non c’è stata unità. Ogni paese ha adottato la propria strategia e ne vediamo i risultati: il virus è progredito ovunque.

Nei paesi in via di sviluppo, le persone stanno soffrendo molto per questa mancanza di solidarietà. Questo è negativo per tutti, perché se non siamo in grado di affrontare adeguatamente Covid-19 in questi paesi, il virus andrà avanti e tutti noi pagheremo un prezzo alto, anche nei paesi più ricchi del mondo”.

UN News: “Cosa spera che i governi e la comunità facciano per superarlo ed emergere più forti?”

SG: “Abbiamo bisogno che tutti lavorino insieme in cooperazione. È assolutamente essenziale che un vaccino venga considerato un bene pubblico globale, un vaccino popolare. E che non avremo una concorrenza di paesi che cercano di ottenere il maggior numero possibile di vaccini per se stessi, dimenticando quelli che hanno meno risorse.

Abbiamo bisogno di un vaccino accessibile a tutti, ovunque, perché saremo al sicuro solo se tutti saranno al sicuro. Pensare di poter preservare i ricchi e lasciare che i poveri soffrano, è uno stupido errore”.

Ricerca del vaccino per Covid-19

UN News: “Covid-19 potrebbe aver distolto l’attenzione e le risorse dall’urgente necessità di un’azione per il clima. Quali sono le tre cose fondamentali che devono essere fatte immediatamente affinché il mondo cambi direzione su questo tema?”

SG: “Il nostro obiettivo è stato definito dalla comunità scientifica. Dobbiamo assolutamente limitare l’aumento della temperatura a 1,5 gradi, entro la fine del secolo. Per questo, dobbiamo avere la neutralità del carbonio entro il 2050. E per questo, dobbiamo avere una riduzione di circa il 45% delle emissioni nel prossimo decennio.

Quindi, gli obiettivi sono chiari. Come possiamo raggiungerli? Abbiamo bisogno di un impegno totale, soprattutto dei grandi emettitori, in tutte le azioni di trasformazione: nell’energia, nell’agricoltura nell’industria, nei trasporti, in tutti gli ambiti della nostra vita, abbiamo bisogno di azioni di trasformazione che permettano di raggiungere questi obiettivi.

Ed è molto semplice. Dobbiamo smetterla di spendere i soldi dei contribuenti in sussidi ai combustibili fossili. Dobbiamo investire massicciamente nell’energia rinnovabile perché è più economica, è più redditizia. Non è solo la cosa giusta da fare, è la migliore cosa economica da fare.

Dobbiamo fermare la costruzione di centrali a carbone. Dobbiamo investire in nuove forme di mobilità, in particolare attraverso le auto elettriche; dobbiamo investire nell’idrogeno. Questo è il carburante del futuro.

Allo stesso tempo, dobbiamo condurre la protezione della biodiversità, la protezione delle foreste, la trasformazione nella nostra agricoltura. In tutti questi aspetti, dobbiamo lavorare insieme con una strategia comune e con un obiettivo chiaro, dobbiamo essere neutralizzare il carbone entro il 2050”.

Recenti incendi in California – Crisi sul cambiamento climatico

UN News: “La scadenza del 2030 fissata per il raggiungimento dei 17 Obiettivi di Sviluppo Sostenibile non è poi troppo lontana. In che modo i leader mondiali dovrebbero concentrare gli sforzi per raggiungere gli SDG? Dopo tutto, sono il nostro progetto per un pianeta più sostenibile ed equo”.

SG: “Beh, a causa del Covid-19 e della necessità di recuperare le nostre economie, stiamo spendendo trilioni di dollari al momento. Quindi, poiché si stanno spendendo migliaia di dollari, facciamolo in linea con gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

Facciamolo in linea con l’Agenda 2030. Ricostruiamo meglio le nostre economie con più equità combattendo la disuguaglianza, con più sostenibilità nella lotta ai cambiamenti climatici e affrontando tutti gli altri aspetti che sono rilevanti negli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile; dalla riduzione della povertà, alla protezione degli oceani, all’istruzione, alla salute, alla governance.

Quindi, Covid-19 è una minaccia, è un problema, ma è anche un’opportunità, perché mentre dobbiamo cambiare, possiamo cambiare nella giusta direzione. Poiché stiamo mobilitando enormi risorse per ricostruire, possiamo ricostruire nella giusta direzione e il nostro progetto deve essere l’Agenda 2030 e gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile.

UN News: “Le Nazioni Unite esistono da 75 anni e ha invitato tutti a partecipare attivamente alle conversazioni dell’ONU75, specialmente quelle che non si sentono spesso, compresi i giovani. Ha parlato con i giovani, ma spesso li ha anche ascoltati. Cosa l’ha incoraggiata da quelle conversazioni con loro?”

SG: “Un impegno molto forte dei giovani per le società internazionali. La giovane generazione è molto più cosmopolita della mia. Sentono un approccio universalista ai problemi. Capiscono che dobbiamo stare insieme.

Capiscono anche che abbiamo bisogno di un multilateralismo più forte, ma un multilateralismo che sia anche un multilateralismo popolare, in cui possano partecipare al processo decisionale, e questo fortissimo impegno dei giovani verso idee come la copertura sanitaria universale, l’azione per il clima, la necessità di più giustizia e uguaglianza nelle nostre società, l’uguaglianza di genere e la lotta al razzismo. Tutti questi aspetti mostrano giovani molto impegnati. Questa è la più grande speranza che ho in relazione al nostro futuro comune”.

Il Segretario Generale António Guterres interagisce con i giovani in un dialogo UN75 sul tema “La gioventù al volante”, nel gennaio 2020 (Foto delle Nazioni Unite / Mark Garten)

UN News: “Circa 25 anni fa, la Dichiarazione di Pechino ha rappresentato un punto di svolta storico per la promozione dei diritti delle donne. Ma millenni di patriarcato hanno portato a un mondo dominato dagli uomini. Cosa vorrebbe che gli uomini facessero, per assicurarci la parità e l’uguaglianza delle politiche di genere?”

SG: “Gli uomini devono capire che è nell’interesse di tutti, non solo delle donne, avere l’uguaglianza di genere e la parità di genere, perché il mondo sarà migliore.

È vero, viviamo in un mondo dominato dagli uomini con una cultura dominata dagli uomini. Ecco perché è così importante all’ONU raggiungere la parità. E l’abbiamo fatto al massimo livello, ma ora dobbiamo farlo ovunque.

C’è essenzialmente una questione di potere e dobbiamo avere- non mi piace dire usare, “emancipare le donne” – sembra che stiamo dando potere alle donne. Il potere non è dato, è preso, ma abbiamo bisogno che le donne si muovano per affermare il loro ruolo nella società. E abbiamo bisogno che gli uomini capiscano che questa è una cosa positiva”.

UN News: “Signor Guterres, lei ha parlato animatamente di disuguaglianze e ingiustizie, che sono causa di molti problemi nel mondo di oggi. Quali sono alcuni degli esempi più dannosi di questi, e in che modo il multilateralismo può essere la risposta perché tutta l’umanità ne possa beneficiarne?”

SG: “È molto scioccante dal punto di vista della ricchezza e del reddito, vedere l’1% dell’umanità avere più risorse della metà della popolazione mondiale. Ma direi che gli aspetti più scioccanti della disuguaglianza non sono necessariamente legati al denaro.

L’Arabia Saudita? No, non è un Paese per donne (UN)

È la disuguaglianza legata alle discriminazioni in relazione al genere, al razzismo, alla religione, alle persone con disabilità, alla comunità LGBTQI. Voglio dire che dobbiamo avere una società in cui la coesione sia il nostro obiettivo. Dobbiamo investire nella coesione per fare in modo che ogni comunità – comunità indigene e minoranze nelle società – senta che la propria identità è rispettata, ma anche che fanno parte della società nel suo insieme”.

UN News: “Signor Guterres, l’ultima parola è per lei. Questa è un’Assemblea Generale virtuale, priva del solito clamore, ma piena di urgenza, gravità e speranza. Cosa vorrebbe che i leader mondiali e il pubblico portassero a casa da questa UNGA75?”

SG: “Beh, naturalmente, molte cose, ma se dovessi scegliere, diciamo priorità, direi. Assicuriamoci di avere un cessate il fuoco globale. Assicuriamoci di avere un vaccino che sia un bene pubblico globale e il vaccino delle persone. Assicuriamoci che quando ricostruiremo le nostre economie, lo faremo per raggiungere la neutralità del carbonio nel 2050”.

(Traduzione di Alessandra Loiero)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter