Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Gli esperti dell’ONU attaccano gli USA per le denunce contro leader indigeno

L'azione legale contro Nicholas Tilsen dopo la protesta pacifica per il discorso del presidente Trump tenutosi al Mount Rushmore per il 4 di luglio

La protesta dei nativi americani nei pressi del Mount Rushmore (Immagine ripresa da tiwtter)

Nicholas Tilsen, difensore dei diritti umani della nazione Oglala-Lakȟóta Sioux e presidente del collettivo NDN a guida indigena, dovrà andare in tribunale il 18 dicembre, per difendersi dall’accusa di aver commesso quattro crimini e tre reati dopo che con altri nativi americani aveva bloccato una strada che portava ad una celebrazione dei fuochi d’artificio per il 4 di luglio, un evento, con il presidente Donald Trump, che si è tenuto presso il sito nella regione delle Black Hills nel South Dakota. “Ovviamente non possiamo pre-giudicare l’esito del caso contro Nicholas Tilsen, ma siamo seriamente preoccupati per il suo arresto e le accuse mosse contro di lui in relazione all’esercizio dei suoi diritti di persona indigena, in particolare il diritto di riunione”, hanno detto i cinque Relatori Speciali delle Nazioni Unite.

Illustrazione di Antonella Martino apparsa nella rivista di satira “Cassandra Ohibò”

Gli esperti indipendenti hanno invitato gli Stati Uniti “a garantire che i diritti del giusto processo di Nicholas Tilsen siano rispettati durante il procedimento penale e che richiamino all’obbligo di garantire uguale protezione della legge senza discriminazioni”. Hanno anche espresso l’allarme per “le accuse di uso eccessivo della forza da parte delle forze dell’ordine contro i difensori indigeni e le recenti segnalazioni di sorveglianza e intimidazione da parte degli agenti di polizia locali a seguito degli arresti”.

Il 38enne Tilsen era uno dei 15 manifestanti pacifici arrestati in relazione alla manifestazione politica – organizzata senza il consenso delle popolazioni indigene interessate – per celebrare il Giorno dell’Indipendenza degli Stati Uniti. Rushmore ospita le celebri colossali sculture di ex presidenti scolpite nel fianco della montagna. “Ho lavorato duramente per creare un modo migliore per la nostra gente. Queste accuse inventate non sono solo contro di me, sono contro la nostra gente … progettate per far deragliare i nostri movimenti. Ma siamo dalla parte giusta della storia e sappiamo che i nostri antenati sono con noi”, ha twittato Tilsen ad agosto.

Commenta l'Articolo

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter