Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Guterres esprime la sua gratitudine verso i migranti per il loro contributo essenziale

L'ONU celebra la Giornata internazionale dei migranti sottolineando il ruolo centrale che gli immigrati stanno avendo durante la pandemia

UN Women / Pornvit Visitoran Donne lavoratrici migranti in una fabbrica di ceramiche nel nord della Thailandia. Come parte della forza lavoro, i lavoratori migranti sostengono le imprese locali e anche le comunità a casa.

In un messaggio per celebrare la Giornata internazionale dei migranti, il segretario generale António Guterres ha affermato che nel bel mezzo della pandemia globale, le società hanno imparato ad apprezzare la loro dipendenza dai migranti “che sono troppo spesso invisibili all’interno delle nostre comunità. I migranti hanno svolto un ruolo enorme in prima linea nella risposta alla crisi – dalla cura dei malati e degli anziani alla fornitura di cibo durante i blocchi… proprio come i migranti sono parte integrante delle nostre società, dovrebbero rimanere centrali per la nostra ripresa”.

Guterres ha chiesto di garantire che i migranti, indipendentemente dal loro status giuridico, siano inclusi nella risposta alla pandemia di ogni paese, in particolare nella programmazione sanitaria e di vaccinazione. “In questa Giornata internazionale dei migranti, cogliamo l’opportunità del recupero dalla pandemia per attuare il Global Compact per una migrazione sicura, ordinata e regolare, immaginare la mobilità umana, consentire ai migranti di riaccendere le economie in patria e all’estero e costruire più inclusivi e resilienti società “, ha esortato il Segretario Generale dell’ONU.

António Vitorino, Direttore generale dell’Organizzazione internazionale delle migrazioni (IOM) delle Nazioni Unite, ha applaudito i migranti a livello globale come “campioni di resilienza quando i tempi sono duri”, aggiungendo che mentre il mondo passa dalla risposta alla pandemia alla ripresa, saranno la chiave per il ritorno alla vita normale. “Ma, affinché ciò accada, dobbiamo rafforzare gli sforzi già compiuti da molti paesi per garantire che i migranti siano pienamente inclusi nelle nostre risposte COVID-19, compreso l’accesso ai servizi sociali, e assicurandoci che non rimangano indietro”, ha detto. Ci sono circa 271 milioni di migranti a livello globale (a partire dal 2019), che contribuiscono immensamente non solo alle economie dei paesi in cui lavorano, ma supportano anche altri milioni a casa, anche attraverso le rimesse.

Durante il suo videomessaggio, il presidente dell’Assemblea Generale Volkan Bozkir, ha dichiarato che la Banca Mondiale prevede un calo del 20%, o circa 110 miliardi di dollari USA, nelle rimesse ai paesi a basso e medio reddito a causa del COVID-19. Un tale declino può essere devastante; in molti paesi economicamente svantaggiati, le rimesse totali corrispondono a più del 10% del PIL e le rimesse nel loro insieme superano sia gli investimenti esteri che quelli diretti, così come l’assistenza allo sviluppo. L’impatto della pandemia non è stato dannoso solo per le finanze e l’economia della migrazione; L’OCSE osserva che i migranti hanno il doppio delle probabilità di contrarre il COVID-19 rispetto al resto della popolazione, ed i figli dei migranti sono sempre più svantaggiati dalla chiusura delle scuole.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter