Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

UNEP: il mondo potrebbe perdere la barriera corallina entro la fine del secolo

Le barriere coralline potrebbero sbiancare entro la fine del secolo, a meno che non vi siano drastiche riduzioni delle emissioni di gas

Coral Reef Image Bank / Jayne Jenk Una tartaruga nuota in una barriera corallina delle Maldive.

Le barriere coralline sono incredibilmente importanti e sostengono un’ampia varietà di vita marina. Proteggono anche le coste dall’erosione delle onde e delle tempeste, assorbono carbonio e azoto e aiutano a riciclare i nutrienti. “Di fronte all’inazione, le barriere coralline scompariranno presto. L’umanità deve agire con urgenza, ambizione e innovazione basate su prove per cambiare la traiettoria di questo ecosistema, che è il canarino nella miniera di carbone per l’impatto del clima sugli oceani, prima che sia troppo tardi” ha detto lunedì Leticia Carvalho, capo della divisione Marine and Freshwater dell’UNEP. La loro perdita avrebbe conseguenze devastanti non solo per la vita marina, ma anche per oltre un miliardo di persone a livello globale che ne beneficiano direttamente o indirettamente.

Quando la temperatura dell’acqua aumenta, i coralli espellono le vibranti alghe microscopiche che vivono nei loro tessuti. Questo fenomeno è chiamato sbiancamento dei coralli. Anche se i coralli sbiancati sono ancora vivi e possono recuperare le loro alghe, se le condizioni migliorano. Tuttavia, la perdita li mette sotto stress e se lo sbiancamento persiste, i coralli muoiono. L’ultimo evento di sbiancamento globale è iniziato nel 2014 e si è esteso fino al 2017. Si è diffuso negli oceani Pacifico, Indiano e Atlantico ed è stato l’incidente di sbiancamento dei coralli più lungo, pervasivo e distruttivo mai registrato.

La barriera corallina di Beveridge, situata nelle acque di Niue nell’Oceano Pacifico ((UNDP / Vlad Sokhin)

Nel rapporto “Projections of Future Coral Bleaching Conditions”, l’UNEP delinea i legami tra lo sbiancamento dei coralli e il cambiamento climatico. Postula due possibili scenari: uno “scenario peggiore” dell’economia mondiale fortemente guidata dai combustibili fossili; e una “via di mezzo” in cui i paesi superano i loro impegni attuali di limitare le emissioni di carbonio del 50%. Nello scenario di combustibili fossili, il rapporto stima che tutte le barriere coralline del mondo sbiancheranno entro la fine del secolo, con un grave sbiancamento annuale che si verificherà in media entro il 2034, nove anni prima delle previsioni pubblicate tre anni fa. Ciò segnerebbe il punto di non ritorno per le barriere coralline, compromettendo la loro capacità di fornire una serie di servizi ecosistemici, tra cui cibo, protezione delle coste, medicinali e opportunità di svago, avverte il rapporto. Se i paesi raggiungono lo scenario “di mezzo”, lo sbiancamento grave potrebbe essere ritardato di undici anni, fino al 2045, aggiunge l’UNEP.

Una tartaruga marina nella barriera corallina a Raja Ampat, Indonesia (Coral Reef Image Bank / Tracey Jen)

L’autore principale del rapporto Ruben van Hooidonk, un ricercatore sui coralli della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) americana, ha affermato che “la parte triste è che le proiezioni sono ancora più terribili di prima. Significa che dobbiamo davvero cercare di ridurre le nostre emissioni di carbonio per salvare queste barriere coralline. Questo rapporto mostra che dobbiamo farlo in modo ancora più urgente e intraprendere più azioni perché è anche peggio di quello che pensavamo”. Secondo l’UNEP, sebbene non si sappia esattamente come i coralli si adattano alle temperature mutevoli, il rapporto esamina la possibilità di questi adattamenti ipotizzando un riscaldamento compreso tra 0,25 gradi Celsius e 2 gradi Celsius. Ha scoperto che ogni quarto di grado di adattamento porta a un possibile ritardo di sette anni nello sbiancamento annuale previsto: ciò significa che i coralli potrebbero ricevere una tregua di 30 anni dallo sbiancamento grave se possono adattarsi a 1 grado Celsius di riscaldamento. Tuttavia, se l’umanità tiene il passo con le sue attuali emissioni di gas serra, i coralli non sopravviveranno nemmeno con 2 gradi Celsius di adattamento. “Ciò che questo dimostra è che anche con l’adattamento, dobbiamo ridurre le nostre emissioni per guadagnare tempo per quei luoghi (dove) possiamo fare sforzi di ripristino e mantenere in vita i coralli”, ha detto il signor van Hooidonk.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter