Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Dopo mesi, i rifugiati nella regione del Tigray ricevono alimenti urgenti dall’ONU

Per la prima volta da metà ottobre, 25.000 rifugiati dell'Etiopia finalmente ricevono gli aiuti alimentari di cui avevano disperato bisogno

La regione del Tigray deve affrontare alcune delle sfide di sviluppo più difficili in Etiopia (UNICEF / Zerihun Sewunet)

In coordinamento con le autorità federali etiopi, un convoglio di 18 camion ha consegnato quasi 250 tonnellate di miscela di mais, soia, cereali, legumi e olio vegetale ai partner umanitari locali per la distribuzione a 13.000 rifugiati eritrei nel campo di Mai Ayni. “Famiglie, donne, uomini, bambini – anche neonati – sono stati tagliati fuori dai rifornimenti e dai servizi essenziali per molte settimane, quindi questa distribuzione era urgentemente necessaria”, ha detto Ann Encontre, rappresentante dell’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) in Etiopia. Altre quasi 240 tonnellate di cibo sono state consegnate al campo profughi di Adi Harush per sostenere 12.170 rifugiati lì.

Le forniture sono state distribuite dal Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP), dall’UNHCR e dall’Agenzia per i rifugiati e i rimpatriati (ARRA) dell’Etiopia. Circa 96.000 rifugiati eritrei registrati in quattro campi nella regione del Tigray, dipendono dall’assistenza alimentare del WFP per la sopravvivenza. Le agenzie delle Nazioni Unite stanno ora lavorando per garantire che venga fornito un aiuto alimentare sufficiente agli altri campi nella regione, nonché servizi di protezione critica e bisogni di base come un riparo.

Con il conflitto armato e le notizie di uccisioni di massa nel Tigray, è cresciuta la preoccupazione per la sicurezza dei rifugiati. Nelle ultime sette settimane, ci sono stati combattimenti tra i soldati del governo centrale e le forze del Tigray People’s Liberation Front (TPLF) e, di conseguenza, decine di migliaia di persone sono state sfollate. Martedì, l’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha annunciato che il suo ufficio aveva ricevuto accuse di violazioni del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, tra cui attacchi di artiglieria su aree popolate, attacchi deliberati di civili, uccisioni extragiudiziali e saccheggi diffusi.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter