Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Caldo record: l’Onu richiede di intensificare le azioni alla “nuova realtà climatica”

Sebbene i paesi abbiano compiuto progressi nell'adattamento ai cambiamenti climatici, i problemi continuano a crescere, 2020 con temperature critiche

UNDP Eritrea / Elizabeth Mwaniki Un sistema di mini-rete solare in Eritrea alimenta due città rurali e villaggi circostanti.

Il 2020, che ha visto terrificanti incendi dalla California alla Siberia e un numero record di cicloni tropicali nell’Atlantico, ha rivaleggiato e forse persino eguagliato l’anno più caldo mai registrato, secondo più annunci scientifici giovedì. Gli esperti hanno affermato che un altro anno caldo come il 2016 in arrivo così presto suggerisce un rapido passo in avanti sulla scala mobile del clima. E implica che un nuovo record di temperatura epocale – che supera la soglia di riscaldamento critica di 1,5 gradi Celsius (2,7 gradi Fahrenheit) per la prima volta – potrebbe verificarsi non appena entro la fine di questo decennio. Il 2020 è stato caratterizzato da alcuni dei più grandi incendi mai registrati in Siberia, Australia, Stati Uniti occidentali e nel Pantanal, un vasto ecosistema di zone umide ricco di carbonio in Sud America. Nella maggior parte di questi casi, il cambiamento climatico ha svolto un ruolo chiave, secondo studi scientifici. “È stato davvero l’anno del fuoco globale. Dai devastanti incendi in Australia … agli incendi nelle più grandi zone umide del Sud America fino alla costa della California, gli incendi che si sono verificati nel 2020 hanno risposto a condizioni molto secche e temperature calde in diversi continenti”, ha affermato Merritt Turetsky, scienziato del clima presso l’Università del Colorado a Boulder.

Secondo il rapporto sul divario di adattamento del 2020, pubblicato giovedì dal Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP), con l’aumento delle temperature e l’intensificarsi degli impatti sui cambiamenti climatici, le nazioni devono intensificare con urgenza le azioni per adattarsi alla nuova realtà climatica o affrontare gravi costi, danni e perdite. “La dura verità è che il cambiamento climatico è alle porte. I suoi impatti si intensificheranno e colpiranno i paesi e le comunità vulnerabili più duramente, anche se raggiungiamo gli obiettivi dell’accordo di Parigi di mantenere il riscaldamento globale di questo secolo ben al di sotto dei 2 gradi Celsius e di raggiungere 1,5 gradi Celsius” ha detto Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP, in un comunicato stampa che annuncia i risultati.

I costi annuali di adattamento nei paesi in via di sviluppo sono stimati a $70 miliardi, ma la cifra potrebbe raggiungere fino a $300 miliardi nel 2030 e $500 miliardi nel 2050. Quasi tre quarti delle nazioni hanno alcuni piani di adattamento in atto, ma i finanziamenti e l’attuazione scendono “lontano insomma” di ciò che è necessario, secondo il rapporto dell’UNEP. “Come ha detto il Segretario generale, abbiamo bisogno di un impegno globale per destinare la metà di tutti i finanziamenti globali per il clima all’adattamento nel prossimo anno … questo consentirà un enorme passo avanti nell’adattamento, in tutto, dai sistemi di allarme rapido alle risorse idriche resilienti fino a soluzioni basate sulla natura “, ha aggiunto la signora Andersen. L’adattamento è un pilastro fondamentale dell’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici. Mira a ridurre la vulnerabilità dei paesi e delle comunità ai cambiamenti climatici aumentando la loro capacità di assorbire gli impatti.

Il rapporto dell’UNEP ha anche sottolineato l’importanza delle soluzioni basate sulla natura come opzioni a basso costo che riducono i rischi climatici, ripristinano e proteggono la biodiversità e portano benefici per le comunità e le economie. La sua analisi di quattro principali fondi per il clima e lo sviluppo: il Global Environment Facility (GEF), il Green Climate Fund (GCF), il Fondo di adattamento e l’International Climate Initiative (IKI), ha suggerito che il sostegno a iniziative verdi con alcuni elementi della natura le soluzioni basate su dati sono aumentate negli ultimi due decenni. L’investimento cumulativo per i progetti di mitigazione e adattamento ai cambiamenti climatici nell’ambito dei quattro fondi ammonta a $ 94 miliardi. Tuttavia, solo 12 miliardi di dollari sono stati spesi per soluzioni basate sulla natura, una piccola frazione del finanziamento totale per l’adattamento e la conservazione, ha aggiunto.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter