Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

UNSDGs e pandemia: “Covid-19, crisi dei diritti umani. Ricostruire contratto sociale”

Ilze Brands Kehris, Assistant SG per i diritti umani, alle Nazioni Unite discute degli effetti del coronavirus sui 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile

di Ilze Brands Kehris

Ilze Brands Kehris, Segretario generale Assistant per i diritti umani e capo dell'Ufficio dell'Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani (UN)

Eccellenze,

Signore e signori,

È un privilegio unirmi a voi in questo terzo incontro intersessionale per il dialogo e la cooperazione sui diritti umani e l’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile. A nome dell’Alto Commissario Bachelet, mi congratulo con Sek Wannamethee, Ambasciatore e Rappresentante Permanente della Thailandia, sulla sua nomina a Presidente di questa riunione. Do anche il benvenuto all’onorevole Ministro della salute e del benessere sociale dello Stato del Kerala in India, On. Shailaja e gli illustri membri del panel, compreso il Vicepresidente del Consiglio dei diritti umani, Keva Bain, Ambasciatrice e rappresentante permanente delle Bahamas.

Eccellenze,

La pandemia COVID-19 non è solo un’enorme sfida per i diritti umani, è una crisi dei diritti umani. La pandemia ha esacerbato livelli allarmanti di povertà e disuguaglianze, poiché i suoi impatti sono stratificati in base a ricchezza, reddito, genere, razza, etnia e altre divisioni sociali. Sappiamo che questo può portare rapidamente all’instabilità, generando altre violazioni dei diritti umani.

Gli avvertimenti di livelli “insostenibili” di disuguaglianze sono stati lanciati per molto tempo. La pandemia ha chiarito che ora ci troviamo in un momento critico che richiede un’azione urgente per evitare che il nostro tessuto sociale si eroda ulteriormente.

Le risposte alla pandemia hanno dimostrato cosa è possibile fare quando esiste una risoluzione politica. Abbiamo visto esempi di governi intraprendere azioni rapide per proteggere i diritti fondamentali, estendendo l’assistenza sanitaria, rafforzando le reti di sicurezza sociale e istituendo politiche per proteggere le persone dalla salute e dagli effetti economici.

Abbiamo bisogno di questo tipo di volontà politica per “andare avanti meglio”.

In effetti, il recupero del COVID-19 rappresenta un’opportunità storica per tutti gli Stati membri per costruire un nuovo contratto sociale basato sui diritti umani e sulle pari opportunità per tutti. Questo è anche un obiettivo chiave nell’attuazione della chiamata all’azione del Segretario generale per i diritti umani, che sottolinea che i diritti devono essere al centro dello Sviluppo Sostenibile.

A tal fine sono essenziali i progressi verso l’OSS 10 e l’OSS 16, il fulcro di questo incontro. Desidero trasmettere due messaggi chiave al riguardo.

(Primo,) l’OSS 10, affrontare le disuguaglianze e costruire un nuovo contratto sociale, richiederà un rinnovato impegno per i diritti economici e sociali, compreso l’investimento del massimo delle risorse disponibili nella realizzazione di questi diritti.

Ciò richiede un allontanamento da approcci che considerano tali diritti solo come facoltativi o aspirazionali, poiché per quasi il 90% degli Stati membri questi diritti sono impegni giuridicamente vincolanti, riconoscendo che società sane e pacifiche si basano sulla realizzazione dell’intero spettro dei diritti umani.

Nella ripresa COVID, dobbiamo abbandonare le politiche economiche che concentrano la ricchezza e il cronico sottoinvestimento nei servizi pubblici che genera disuguaglianze. Non è il momento per misure di austerità. I governi devono mobilitare le risorse interne, ma sono necessari anche la cooperazione internazionale e il New Global Deal del Segretario Generale per una globalizzazione equa. Ciò include uno sforzo coordinato globale per garantire che i vaccini COVID-19 siano economici e accessibili a tutti senza discriminazioni.

(Secondo), l’OSS 16, ricostruire la fiducia nelle nostre istituzioni per una ripresa pacifica, giusta ed equa, richiede una protezione più forte delle libertà fondamentali.

Milioni di persone attualmente si sentono escluse dalle decisioni che influenzano le loro vite. Dobbiamo invertire la chiusura dello spazio della società civile e proteggere le libertà fondamentali, anche nel contesto di COVID-19.

Proteggere i diritti delle persone di esprimere le loro opinioni e rimostranze e garantire una partecipazione significativa e inclusiva di tutti i gruppi nella definizione delle politiche e delle decisioni che li riguardano, è la formula migliore in un momento di crescente pressione sulla coesione sociale. A tal fine, i dati disaggregati per comprendere e monitorare meglio i progressi di tutti i gruppi e per sviluppare risposte basate sull’evidenza devono essere al centro di rinnovati sforzi per “lasciare nessuno indietro” e frenare la discriminazione.

Per sostenere gli Stati membri, il nostro ufficio, in stretta collaborazione con i colleghi delle Nazioni Unite, fornisce assistenza tecnica per guidare la ripresa economica basata sui diritti umani e sensibile al genere alla pandemia sul campo. Abbiamo lavorato per integrare i diritti umani nella risposta delle Nazioni Unite al COVID-19, sviluppando una lista di controllo ed effettuando una revisione dei piani di risposta socioeconomica delle Nazioni Unite.

Attraverso la nostra Surge Initiative, abbiamo anche impiegato economisti per fornire consulenza, anche su come affrontare le disuguaglianze nella progettazione dei sistemi di protezione sociale e sul mantenimento dello spazio fiscale per soddisfare gli obblighi fondamentali minimi dei diritti economici e sociali. E continuiamo a promuovere un approccio ai dati basato sui diritti umani, anche rafforzando la collaborazione tra gli NHRI e gli uffici statistici nazionali.

Eccellenze,

Consentitemi di concludere ribadendo che il quadro internazionale dei diritti umani fornisce la base più solida su cui ricostruire il contratto sociale, affrontare le crescenti disuguaglianze a livello globale e nazionale e riportarci sulla buona strada per raggiungere l’Agenda 2030.

Rimango in attesa delle vostre opinioni e della vostra esperienza pratica su come possiamo ricostruire con i diritti al centro del recupero di COVID-19.

Grazie.

 

(Tradotto da Alessandra Loiero)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter