Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Aleksei Navalny arrestato in Russia, USA, UE, ONU: liberatelo immediatamente!

Catturato al suo rientro a Mosca, l'attivista dell'opposizione russa si trovava da mesi in Germania, dove era ricoverato a seguito di un tentativo di avvelenamento

L'attivista dell'opposizione Alexei Navalny (wikimedia)

L’attivista dell’opposizione russa Aleksei Navalny è stato arrestato domenica all’aeroporto di Sheremetyevo di Mosca, al rientro dalla Germania, dove era stato ricoverato dopo essere stato avvelenato.

In una dichiarazione rilasciata nel corso della giornata, due esperti indipendenti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno elogiato il coraggio dell’attivista dell’anticorruzione ed hanno invitato la Russia a liberarlo, assicurando al contempo che la sua vita ed il suo benessere siano protetti. “E’ spaventoso Navalny sia stato arrestato per aver infranto i termini della libertà condizionale per una condanna che non avrebbe dovuto ricevere in primo luogo – hanno affermato – e nonostante le autorità fossero pienamente consapevoli che era stato diversi mesi in Germania per riprendersi da un attentato alla sua vita”.

Nell’ultimo comunicato stampa, l’OHCHR ha dichiarato che l’arresto di Navalny si riteneva correlato a presunte violazioni di una condanna sospesa per frode, a seguito di procedimenti che la Corte europea dei Diritti dell’Uomo ha dichiarato nel 2018 come arbitrari ed ingiusti. Il servizio penitenziario federale della Russia ha dichiarato che Navalny ha saltato i controlli regolari, richiesti per la sua sospensione della pena, senza un motivo valido. Nell’agosto dello scorso anno, Aleksei Navalny si è ammalato gravemente mentre era a bordo di un volo interno dalla città di Tomsk, Siberia, a Mosca. Dopo essere rimasto in coma per due settimane, è stato trasportato in aereo a Berlino per delle cure.

Diverse settimane dopo, il governo tedesco ha riferito che test tossicologici condotti da uno speciale laboratorio militare hanno rivelato che era stato avvelenato con un agente nervino Novichok. Novichok è il nome di un gruppo di sette agenti chimici tossici sviluppati dall’ex Unione Sovietica negli anni ’70 e ’80. Navalny è tornato in Russia, nonostante sia stato vittima di un tentato omicidio, sapendo che avrebbe rischiato l’arresto. Quando il suo aereo è atterrato, ha detto che il suo ritorno in Russia è stato il momento più felice della sua vita degli ultimi cinque mesi. “Ammiriamo il suo coraggio e continueremo a seguire il suo caso da vicino”, hanno detto gli esperti indipendenti dei diritti umani.

Lunedì, il Segretario di Stato americano, Mike Pompeo, ha dichiarato via Twitter di essere “profondamente turbato” dagli sviluppi e ha chiesto il suo rilascio immediato e incondizionato. “I leader politici fiduciosi non temono le voci in competizione, né commettono violenza o detengono ingiustamente gli oppositori politici“, ha detto Pompeo. Anche il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ha condannato la detenzione di Navalny, ed ha esortato le autorità russe a liberarlo. “La detenzione di Alexey Navalny all’arrivo a Mosca è inaccettabile. Chiedo alle autorità russe di rilasciarlo immediatamente”, ha scritto Michel su Twitter. “Le autorità russe devono rispettare i diritti di Alexei Navalny e rilasciarlo immediatamente. La politicizzazione della magistratura è inaccettabile“, ha invece twittato Josep Borrell, capo della politica estera dell’UE.

Anche Joe Biden, tramite il suo consigliere per la sicurezza nazionale, ha chiesto la scarcerazione immediata dell’oppositore. “Navalny deve essere immediatamente liberato – ha affermato Jake Sullivan – e i responsabili del vergognoso attacco alla sua vita devono essere perseguiti”. Il Ministro degli Esteri italiano, Luigi Di Maio, ha twittato: “l’arresto di Navalny al suo arrivo in Russia è un fatto molto grave, che ci preoccupa. Ne chiediamo l’immediato rilascio. E ci aspettiamo che siano rispettati i suoi diritti”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter