Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Ennesimo naufragio in Libia. L’Onu chiede di aumentare i soccorsi nel Mediterraneo

43 migranti hanno perso la vita. L'OIM e l'UNHCR chiedono solidarietà da parte degli Stati europei, rimpatri e meccanismi di sbarco sicuri

I migranti che attraversano il Mar Mediterraneo vengono soccorsi da una nave belga (Frontex / Francesco Malavolta)

In una dichiarazione congiunta rilasciata mercoledì dall’Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) e dall’Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR), le due agenzie hanno espresso la loro tristezza per il primo tragico evento del 2021 nel Mediterraneo centrale. In Libia è avvenuto l’ennesimo naufragio e 43 migranti hanno perso la vita.

Secondo quanto riferito, la barca si è capovolta a causa delle cattive condizioni del mare quando il motore si è spento, poche ore dopo l’imbarco dalla città libica di Zawra martedì mattina. I 10 sopravvissuti, principalmente dalla Costa d’Avorio, Nigeria, Ghana e Gambia, hanno riferito che coloro che sono morti erano tutti uomini dell’Africa occidentale. I sopravvissuti hanno ricevuto assistenza di emergenza, ma le operazioni di salvataggio nel Mediterraneo sono state notevolmente ridotte negli ultimi anni e diverse organizzazioni non governative (ONG) avrebbero accusato l’Unione europea e gli Stati membri per l’aumento dei decessi nella regione.

L’OIM e l’UNHCR hanno ribadito il loro appello alla comunità internazionale per un cambiamento urgente e misurabile nell’approccio alla situazione nel Mediterraneo. Ciò include la fine dei rimpatri verso porti non sicuri, la creazione di un meccanismo di sbarco sicuro e prevedibile seguito da una dimostrazione tangibile di solidarietà da parte degli Stati europei con i paesi che ricevono un numero elevato di arrivi.

La situazione per i migranti che tentano di attraversare il Mediterraneo dalla Libia rimane estremamente a rischio. Si sa che centinaia di persone hanno perso la vita nel 2020 e l’OIM e l’UNHCR temono che a causa della limitata capacità di monitorare le rotte, il numero effettivo di morti nel Mediterraneo centrale durante il 2020 potrebbe essere molto più alto. Prima di tentare una traversata, i migranti affrontano anche molte minacce all’interno della Libia, inclusi arresti arbitrari e detenzioni nelle condizioni più difficili. Molti sono stati vittime di trafficanti, detenuti a scopo di estorsione, torturati e maltrattati, e dozzine sono stati uccisi a causa del conflitto nel paese.

Le agenzie per la migrazione e i rifugiati hanno riconosciuto gli sforzi compiuti dalle autorità libiche per combattere il traffico di migranti, ma hanno chiesto un aumento degli sforzi per perseguire e ritenere responsabili i gruppi criminali degli abusi dei diritti umani di migliaia di migranti e rifugiati nel paese. Tuttavia, se prevalgono l’inazione e l’impunità, hanno avvertito, ci si può aspettare una perdita di vite umane più evitabile e tragica.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter