Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Nel messaggio a Davos, Guterres sottolinea il ruolo dei privati nella ripresa dei paesi

Il Segretario Generale dell'ONU conferma che "Il settore privato ha un ruolo chiave da svolgere nel sollevare i paesi sia dal Covid-19 che dalle crisi climatiche"

In un discorso all’incontro dell’Agenda di Davos del World Economic Forum, che si sta tenendo on line, Antonio Guterres ha detto che ora “più che mai abbiamo bisogno di aiutarci a cambiare rotta, porre fine alla fragilità, evitare la catastrofe climatica e costruire il futuro equo e sostenibile che vogliamo e di cui abbiamo bisogno”. Il Segretario generale si è rivolto al forum mentre l’ONU ha pubblicato il suo ultimo rapporto che avverte che la ripresa economica globale dalla pandemia rimane precaria.

COVID-19 ha generato la peggior crisi economica da quasi un secolo, esponendo disuguaglianze e fragilità sia all’interno che tra i paesi, ha detto Antonio Guterres, parlando da New York: “siamo giunti a un momento di verità. Nel 2021 dobbiamo affrontare queste fragilità e rimettere in carreggiata il mondo. È ora di cambiare rotta e intraprendere la strada sostenibile. E quest’anno abbiamo un’opportunità unica per farlo. Possiamo usare il nostro recupero dalla pandemia COVID-19 per passare dalle fragilità alla resilienza”, ha affermato. Il Segretario generale delle Nazioni Unite ha sottolineato che la ripresa della pandemia deve essere inclusiva, affrontando anche il cambiamento climatico e la perdita di biodiversità.

“La ripresa inclusiva e sostenibile in tutto il mondo dipenderà dalla disponibilità e dall’efficacia dei vaccini per tutti, dal sostegno fiscale e monetario immediato sia nei paesi sviluppati che da quelli in via di sviluppo e da misure di stimolo trasformative a lungo termine”, ha affermato. Mentre i vaccini COVID-19 sono stati sviluppati, la distribuzione non è stata uniforme, ha detto, poiché le nazioni più ricche hanno ricevuto dosi mentre i paesi più poveri del mondo non ne hanno. Ribadendo che i vaccini devono essere visti come beni pubblici globali, ha chiesto finanziamenti per il COVAX Facility, il meccanismo che lavora per garantire la parità di accesso a tutti i paesi. Guterres ha anche sottolineato la necessità di affrontare le disuguaglianze strutturali che hanno reso vulnerabili tante società, anche attraverso la cancellazione del debito per i paesi che ne hanno bisogno. “Dobbiamo anche portare più equità nel mondo del lavoro”, ha aggiunto. “Ciò significa che riduciamo le disparità di aumento molto elevate che abbiamo oggi nei redditi nei mercati del lavoro. E significa colmare il divario retributivo di genere, garantire la piena e produttiva occupazione delle donne e aumentare la partecipazione delle donne al processo decisionale a tutti i livelli”.

Sul cambiamento climatico, il Segretario generale ha sottolineato che l’obiettivo centrale di quest’anno è costruire una coalizione globale per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. “Ogni paese, città, istituto finanziario e azienda deve adottare piani credibili sostenuti da obiettivi intermedi per la transizione a zero emissioni nette entro il 2050 e di intraprendere azioni decisive ora per mettersi sulla strada giusta”, ha detto, aggiungendo “ogni settore deve fare la sua parte, dall’aviazione e dall’agricoltura ai trasporti, alla navigazione e all’industria “. Il mondo ha anche bisogno di “azionare il” passaggio verde “all’energia rinnovabile, che creerà nuovi posti di lavoro e un futuro più sano. Il capo delle Nazioni Unite ha detto che tutto questo è a portata di mano, poiché più paesi registrano il loro impegno. Ha chiesto un’azione del settore privato per realizzare un futuro sostenibile per tutti e per attuare l’accordo di Parigi sui cambiamenti climatici, che cerca di limitare il riscaldamento globale. “Contiamo sulle imprese per svolgere un ruolo importante da sole e per esercitare pressioni sui governi. Ogni azione, grande o piccola, conta, ma coloro che hanno maggiori capacità e risorse dovrebbero aprire la strada”, ha affermato.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter