Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Antonio Guterres: “I suprematisti bianchi e i neonazisti stanno risorgendo”

Nel Giorno della Memoria, l'ONU, con Michelle Bachelet e Volkan Bozkir chiede un'azione urgente contro le discriminazioni: "odio in forte aumento"

Bisogna fare di più per contrastare neonazisti e suprematisti bianchi che stanno usando la pandemia COVID-19 per colpire le minoranze, aumentare i loro ranghi e riscrivere la storia, ha detto il Segretario generale delle Nazioni Unite, António Guterres, che ha lanciato il suo appello in un videomessaggio in occasione della Giornata in Memoria delle Vittime dell’Olocausto, che onora i sei milioni di ebrei e milioni di altri assassinati dai nazisti durante la Seconda guerra mondiale.

Quest’anno l’anniversario si svolge all’ombra della pandemia, ha sottolineato Guterres, osservando che la crisi ha messo a nudo ingiustizie di lunga data e ha contribuito a un rinnovato aumento dell’antisemitismo e della xenofobia. “Oggi, i suprematisti bianchi e i neonazisti stanno risorgendo, organizzando e reclutando oltre i confini, intensificando i loro sforzi per negare, distorcere e riscrivere la storia, compreso l’Olocausto”. “La pandemia COVID-19 ha dato loro nuove opportunità di colpire le minoranze, basate su religione, razza, etnia, nazionalità, orientamento sessuale, disabilità e stato di immigrazione. Dobbiamo compiere sforzi congiunti urgenti per fermarli”.

Veterani della Seconda guerra mondiale e altri partecipanti alla cerimonia commemorativa dell’Olocausto delle Nazioni Unite 2019 nella Sala dell’Assemblea Generale. (ONU / Loey Felipe)

Anche l’Alto Commissario dell’ONU per i diritti umani, Michelle Bachelet, ha espresso preoccupazione per lo “spaventoso” aumento dei crimini ispirati dall’odio, e per il “forte aumento” dell’antisemitismo online, nell’ultimo anno. “Con rinnovato vigore, i teorici della cospirazione collegano sempre più ideologie politiche estreme e delusioni antisemite – tessendo elaborate bugie e falsità che attribuiscono la responsabilità di ogni tipo di governo al fallimento sui singoli ebrei o sulla comunità ebraica nel suo insieme”, ha detto. “Montate da opinion leader irresponsabili – e amplificate e legittimate dai motori straordinariamente potenti dei media digitali – queste invenzioni piene di odio sono profondamente dannose”. “Dobbiamo respingere le bugie. Dobbiamo garantire che il discorso pubblico sia basato su fatti che riflettano oggettivamente la verità” ha infine affermato Michelle Bachelet.

Anche il presidente dell’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, Volkan Bozkir, ha esortato le persone di tutto il mondo ad opporsi alla discriminazione. “Stiamo assistendo all’odio verso altre minoranze e gruppi religiosi. Oggi spetta a noi sostenere la verità, l’uguaglianza e proteggere i diritti dei gruppi più vulnerabili”. “Dobbiamo essere vigili, richiamare ogni ingiustizia a cui siamo testimoni e difendere il pluralismo. Dobbiamo condannare l’intolleranza, l’incitamento, le molestie basate sull’origine etnica o sul credo religioso “.

Concentrandosi sulla ripresa dopo la pandemia, il Segretario Generale dell’ONU ha chiesto un’azione per affrontare fragilità e lacune. “Quest’anno deve essere un anno di guarigione”. “Mentre ricordiamo coloro che sono morti nell’Olocausto e onoriamo i sopravvissuti, il nostro miglior tributo è la creazione di un mondo di uguaglianza, giustizia e dignità per tutti”.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter