Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

ONU: il cambiamento climatico è “l’emergenza globale” più grande

Secondo il sondaggio "People’s Climate Vote" dell'UNDP le persone di tutto il mondo sostengono politiche climatiche più complete per rispondere alla sfida

Emissioni da una fabbrica a Manhattan, New York (Notizie delle Nazioni Unite / Daniel Dickinson)

Descritto come il più grande sondaggio sul clima finora condotto, il sondaggio “People’s Climate Vote” del Programma di sviluppo delle Nazioni Unite (UNDP) ha anche mostrato che le persone hanno sostenuto politiche climatiche più complete per rispondere alle sfide. L’indagine ha riguardato 50 paesi con oltre la metà della popolazione mondiale. “I risultati del sondaggio illustrano chiaramente che l’azione urgente per il clima ha un ampio sostegno tra le persone di tutto il mondo, di nazionalità, età, sesso e livello di istruzione”, ha affermato in un comunicato stampa Achim Steiner, amministratore dell’UNDP. Il sondaggio ha anche mostrato “come” le persone vogliono che i loro responsabili politici affrontino la crisi climatica. “Dall’agricoltura rispettosa del clima alla protezione della natura, e investendo in una ripresa verde da COVID-19, il sondaggio porta la voce delle persone in prima linea nel dibattito sul clima. Indica i modi in cui i paesi possono andare avanti con il sostegno pubblico mentre lavoriamo insieme per affrontare questa enorme sfida”, ha aggiunto Steiner.

(undp.org)

L’UNDP ha affermato che il sondaggio è stato il più grande sondaggio mondiale mai fatto sull’opinione pubblica sul cambiamento climatico. È stato condotto mentre i paesi si preparavano per i negoziati alla COP26 di novembre, la 26a sessione della Conferenza delle Parti della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (UNFCCC). Il sondaggio ha chiesto agli intervistati se il cambiamento climatico fosse un’emergenza globale e se sostenessero 18 politiche climatiche chiave in sei aree di azione: economia, energia, trasporti, cibo e fattorie, natura e protezione delle persone. Il suo pubblico target di 1,2 milioni comprendeva oltre mezzo milione di persone di età inferiore ai 18 anni, un collegio elettorale chiave sul cambiamento climatico che in genere non è ancora in grado di votare alle elezioni regolari. Sono state utilizzate innovazioni, come la distribuzione su reti di giochi mobili, per garantire il raggiungimento del pubblico giovane. Secondo l’UNDP, gli esperti di sondaggi dell’Università di Oxford hanno ponderato l’enorme campione per renderlo rappresentativo dei profili di età, sesso e popolazione dell’istruzione dei paesi nel sondaggio, con conseguenti piccoli margini di errore (+/- 2%).

I risultati hanno mostrato che le persone hanno sostenuto “ampie politiche climatiche”, al di là della situazione attuale, ha detto l’UNDP. Ad esempio, in otto dei dieci paesi oggetto dell’indagine con le più alte emissioni del settore energetico, la maggioranza ha sostenuto più energie rinnovabili. In quattro paesi su cinque con le più alte emissioni dovute al cambiamento dell’uso del suolo e dati sufficienti sulle preferenze politiche, la maggioranza ha sostenuto la conservazione delle foreste e del suolo. Nove paesi su dieci con le popolazioni più urbanizzate hanno sostenuto un maggiore utilizzo di auto e autobus elettrici puliti o biciclette. Secondo l’UNDP, il sondaggio ha anche trovato un collegamento diretto tra il livello di istruzione di una persona e il suo desiderio di azione per il clima. C’è stato un riconoscimento molto alto dell’emergenza climatica tra coloro che avevano frequentato l’università o il college in tutti i paesi, dai paesi a basso reddito come il Bhutan (82%) e la Repubblica Democratica del Congo (82%), a paesi ricchi come Francia (87%) e Giappone (82%). I risultati hanno anche rivelato che mentre i giovani (sotto i 18 anni) erano più propensi a dire che il cambiamento climatico è un’emergenza, altri gruppi di età non erano molto indietro, con il 65% di età compresa tra 18 e 35 anni; 66 per cento di età compresa tra 36 e 59 anni; e il 58 per cento su 60, esprimendo affermazione.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter