Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Il Covid favorisce la MGF: più azioni decisive per proteggere le ragazze

L'ONU ha chiesto più collaborazione per proteggere milioni di bambine e donne che continuano a subire le mutilazioni genitali femminili (MGF)

Una ragazza adolescente, salvata da MGF, frequenta una scuola elementare per ragazze in Uganda. A scuola, anche le ragazze salvate da MGF o da matrimoni precoci ricevono consulenza e sostegno psicosociale. (UNICEF / Henry Bongyereirwe)

Con le scuole chiuse per la pandemia, si calcolano fino a due milioni di casi aggiuntivi di mutilazioni genitali femminili entro il 2030. Ciò si aggiunge ai 68 milioni di donne e ragazze che le Nazioni Unite avevano già previsto sarebbero a rischio

In un messaggio per commemorare la Giornata internazionale della tolleranza zero per le mutilazioni genitali femminili, il Segretario generale dell’ONU António Guterres ha sottolineato che lavorando insieme “possiamo eliminare le mutilazioni genitali femminili entro il 2030”. La necessità è ancora più pressante tra le preoccupazioni che altri due milioni di casi di MGF possano verificarsi nel prossimo decennio poiché la pandemia di coronavirus ha chiuso le scuole ed ha interrotto i programmi che aiutano a proteggere le ragazze dalla pratica dannosa. Quasi 10 mesi di chiusura delle scuole hanno aumentato la segretezza della pratica delle MGF, poiché i meccanismi di protezione per donne e ragazze si sono interrotti. Ad esempio, sono stati segnalati più casi in Sudan e in Kenya un’analisi delle MGF ha riportato un aumento del 121% in 9 contee nel 2020 rispetto al 2019. Stime recenti suggeriscono che l’impatto della pandemia potrebbe portare a due milioni di casi aggiuntivi di mutilazioni genitali femminili entro il 2030. Ciò si aggiunge ai 68 milioni di donne e ragazze che le Nazioni Unite avevano già previsto sarebbero a rischio. “Mentre le Nazioni Unite si imbarcano in un decennio di azione per raggiungere gli obiettivi di sviluppo sostenibile, facciamo di questo decennio il decennio di zero mutilazioni genitali femminili. In questo modo si avrà un effetto a catena positivo sulla salute, l’istruzione e il progresso economico delle ragazze e delle donne”, ha aggiunto Guterres.

Il poster dell’UNFPA  campagna contro l’FGM

I capi del Fondo delle Nazioni Unite per l’infanzia (UNICEF) e del Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA) hanno anche sottolineato che l’eliminazione delle MGF e il raggiungimento dell’uguaglianza di genere sono obiettivi interdipendenti che si rafforzano a vicenda. “In poche parole, se l’uguaglianza di genere fosse una realtà, non ci sarebbe la MGF. Questo è il mondo che immaginiamo “, hanno dichiarato in una dichiarazione congiunta il direttore esecutivo dell’UNICEF Henrietta Fore ed il direttore esecutivo dell’UNFPA Natalia Kanem. Hanno sollecitato una forte collaborazione e unità, a tutti i livelli e in tutti i settori, nonché finanziamenti adeguati e un’azione decisiva per proteggere le ragazze e le donne a rischio. “Sappiamo cosa funziona. Non tolleriamo scuse. Ne abbiamo abbastanza della violenza contro donne e ragazze. È tempo di UNIRE attorno a strategie comprovate, finanziarle adeguatamente ed agire”, hanno sottolineato.

Henrietta Fore, direttore esecutivo dell’UNICEF, a un centro per bambini rifugiati

Henrietta Fore ed il dottor Kanem hanno anche sottolineato la necessità di unità e collaborazione tra un ampio gruppo di parti interessate, compresa la società civile, organizzazioni di base, gruppi per i diritti delle donne, insegnanti, operatori sanitari, forze dell’ordine e funzionari giudiziari, nonché leader religiosi e anziani. Inoltre, uomini e ragazzi “hanno anche un ruolo cruciale da svolgere”, hanno sottolineato, sollecitando gli sforzi per “amplificare le voci potenti e persuasive dei sopravvissuti che stanno guidando sempre più il cambiamento di trasformazione nelle loro comunità”. I funzionari delle Nazioni Unite hanno esortato tutti i governi, i responsabili politici, le organizzazioni della società civile e altri a dare la priorità all’affrontare la mutilazione genitale femminile nelle loro risposte nazionali COVID-19.

La MGF è sia una forma di violenza di genere che un problema di protezione dei bambini. Per raggiungere l’obiettivo globale di eliminare le MGF entro il 2030, bisogna aumentare di dieci volte il tasso dei progressi fatti finora. Ciò richiederà circa 2,4 miliardi di dollari nel prossimo decennio, ma il costo dell’inazione è molto più alto. La fine della MGF è essenziale per porre fine alla violenza di tutti i tipi contro donne e ragazze e raggiungere l’uguaglianza di genere.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter