Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

ONU, gli USA di Biden rientrano nel Consiglio per i diritti umani

Il SG Antonio Guterres accoglie l'impegno degli Stati Uniti. Antony Blinken "per affrontare le carenze del Consiglio gli USA devono essere al tavolo"

Una visione generale in sessione del Consiglio dei diritti umani delle Nazioni Unite con sede a Ginevra. (ONU/ Jean-Marc Ferre)

La precedente amministrazione Trump si è ritirata nel giugno 2018, accusando il Consiglio di mostrare pregiudizi radicati contro Israele e criticando ciò che l’allora presidente e il suo ambasciatore delle Nazioni Unite all’epoca, dicevano, era la volontà dell’organismo di ammettere nazioni che erano a loro volta frequenti violatori dei diritti umani. “L’amministrazione Biden ha reimpegnato gli Stati Uniti in una politica estera incentrata sulla democrazia, i diritti umani e l’uguaglianza”, ha affermato lunedì il Segretario di Stato, Antony Blinken. “L’uso efficace degli strumenti multilaterali è un elemento importante di quella visione e, a tale riguardo, il Presidente ha incaricato il Dipartimento di Stato di impegnarsi immediatamente e con forza con il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite”. In una breve dichiarazione rilasciata dal suo portavoce, il capo delle Nazioni Unite António Guterres ha affermato di aver accolto con favore la decisione degli Stati Uniti di impegnarsi nuovamente: “Il Consiglio per i diritti umani è il principale forum mondiale per affrontare l’intera gamma di sfide sui diritti umani. I meccanismi e le procedure speciali del Consiglio sono strumenti fondamentali per garantire l’azione e la responsabilità.

“Le Nazioni Unite non vedono l’ora di ascoltare la voce cruciale degli Stati Uniti durante i lavori urgenti del Consiglio”, ha affermato Stéphane Dujarric. In un discorso alla riunione organizzativa del Consiglio per i diritti umani a Ginevra lunedì, l’incaricato d’affari degli Stati Uniti Mark Cassayre ha affermato che nonostante i difetti del Consiglio, esso “ha il potenziale per essere un forum importante per coloro che combattono la tirannia e l’ingiustizia in tutto il mondo”.

Precedentemente, Blinken aveva affermato che “per affrontare le carenze del Consiglio e garantire che sia all’altezza del suo mandato, gli Stati Uniti devono essere al tavolo utilizzando tutto il peso della nostra leadership diplomatica”. “Il Consiglio può aiutare a promuovere le libertà fondamentali in tutto il mondo, comprese le libertà di espressione, associazione e riunione, religione o credo, nonché i diritti fondamentali di donne, ragazze, persone LGBTQI + e altre comunità emarginate”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter