Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Antonio Guterres: “Il 2021 deve essere l’anno per tornare in pista”

L'Onu alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco: "il mondo non può permettersi un futuro in cui le due maggiori economie dividano il globo"

Il Segretario Generale dell'ONU Antonio Guterres

Alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, ha sottolineato l’importanza e la necessità di vaccinazioni disponibili e convenienti per tutti, ovunque. “L’equità dei vaccini è fondamentale per salvare vite umane e per salvare le economie”, ha affermato. “I paesi devono condividere le dosi in eccesso e fornire i miliardi necessari affinché l’iniziativa COVAX sia in pieno svolgimento”. L’iniziativa sui vaccini guidata dalle Nazioni Unite, COVAX, vuole fornire in modo equo diagnosi, trattamenti e vaccini per il coronavirus a tutte le persone a livello globale, indipendentemente dalla loro ricchezza. “Abbiamo anche bisogno di almeno un raddoppio della capacità di produzione globale, attraverso la condivisione delle licenze ed il trasferimento di tecnologia”, ha continuato, indicando che le nazioni più ricche del G20 sono “ben posizionate” per istituire una Task Force d’emergenza che riunisca paesi, aziende, organizzazioni internazionali e istituzioni finanziarie con il potere, le competenze scientifiche e le capacità di produzione necessarie per preparare un piano di vaccinazione globale.

Un uomo riceve il vaccino COVID-19 a Macao, in Cina (UN)

Guterres ha sottolineato l’urgenza di raggiungere le emissioni nette di gas serra pari a zero entro la metà del secolo. Il Segretario Generale ha precisato che i paesi che rappresentano oltre il 65% delle emissioni e oltre il 70% dell’economia mondiale si sono “impegnati a ridurre le emissioni nette a effetto serra entro il 2050”. Tuttavia, ha sollecitato un’espansione di quella coalizione al 90% entro la conferenza sul clima di novembre a Glasgow, affermando che “tutti i paesi, le città, le società e le istituzioni finanziarie dovrebbero stabilire parametri di riferimento per implementare la transizione zero-netto nei prossimi 30 anni”. In tal senso, è necessario quindi adottare misure immediate e concrete, in particolare per fissare un prezzo al carbonio, porre fine ai sussidi ed ai finanziamenti per il carbone e altri combustibili fossili e reinvestire tali fondi in energie rinnovabili e in una transizione giusta.

Considerando che i problemi più complessi del mondo non possono essere risolti quando le sue più grandi potenze sono in disaccordo, il capo dell’ONU ha sottolineato la necessità di “allentare le tensioni geopolitiche e rafforzare la diplomazia per la pace”. “Il nostro mondo non può permettersi un futuro in cui le due maggiori economie dividano il globo in due aree opposte in una Grande Frattura, ognuna con la propria valuta dominante e regole commerciali e finanziarie, il proprio Internet e la propria capacità e strategia di intelligenza artificiale”. Un divario tecnologico ed economico che minaccia un divario geostrategico e militare deve essere evitato “a tutti i costi”.

Pur riconoscendo alcuni segnali incoraggianti “in alcuni ostinati processi di pace”, il massimo funzionario dell’ONU ha lamentato che “altrove i combattimenti continuano” e “tutti stanno perdendo”. Ha sostenuto un cessate il fuoco “oltre i tradizionali campi di battaglia”, vale a dire nelle case, nei luoghi di lavoro, nelle scuole e nei trasporti pubblici, “dove donne e ragazze affrontano un’epidemia di violenza”.

Citando il “comportamento del selvaggio West nel cyberspazio” che sta creando “nuovi vettori di instabilità”, Guterres ha sostenuto che le tecnologie digitali devono essere una forza positiva che richiede “un divieto totale di armi autonome letali, la dimensione più pericolosa che l’intelligenza artificiale può portare al futuro della guerra”. Invitando alla “solidarietà e alla cooperazione internazionale” per affrontare queste sfide, Guterres ha concluso dicendo: “Sono convinto che se siamo determinati, possiamo raggiungere i nostri obiettivi condivisi”, il 2021 deve essere l’anno per tornare in pista”.

Nel frattempo, il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, al G7 ha affermato che il suo paese “lavorerà a stretto contatto con partner dell’Unione europea”. “Lasciatemi cancellare ogni dubbio”, ha affermato. “L’America è tornata… Non stiamo guardando indietro. Non vediamo l’ora insieme”.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter