Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

I carcerati in tutto il mondo “colpiti in modo sproporzionato” da COVID-19

Philipp Meissner, esperto dell'ONU sulla riforma carceraria, sottolinea le difficoltà nelle carceri e l'aumento esponenziale del sovraffollamento

Unsplash / Hédi Benyounes Una recinzione di filo spinato circonda un centro di detenzione.

L’impatto del virus nelle strutture carcerarie è stato discusso durante il 14° Congresso delle Nazioni Unite sulla prevenzione della criminalità e la giustizia penale che è in corso a Kyoto, in Giappone. Philipp Meissner, esperto di riforma carceraria presso l’Ufficio delle Nazioni Unite contro la droga e il crimine (UNODC), ha spiegato che i sistemi carcerari e gli oltre 11 milioni di prigionieri in tutto il mondo sono stati colpiti in modo sproporzionato dal COVID-19. Si stima che ci siano più di 527.000 prigionieri che sono stati infettati dal virus in 122 paesi con più di 3.800 decessi in 47 paesi. Con capacità di test limitate in molte giurisdizioni e la situazione in rapida evoluzione, il numero effettivo potrebbe essere molto più alto. Inoltre, anche coloro che lavorano nelle carceri, corrono anche un grande rischio di infezione.

L’impatto è fortemente sentito dai prigionieri nella maggior parte dei paesi di tutti i continenti. Anche i sistemi penali relativamente dotati di risorse devono affrontare serie sfide nel mitigare l’impatto della pandemia nelle carceri. Le conseguenze sono particolarmente gravi nei sistemi carcerari che sono stati sovraccaricati all’inizio, anche a causa di negligenza sistemica, mancanza di personale e altre risorse. Ciò ha portato a cattive condizioni carcerarie, ad esempio servizi sanitari, igienici e sanitari insufficienti. Il sovraffollamento delle carceri, che continua a colpire la maggior parte dei paesi del mondo, aumenta in modo esponenziale le sfide poste dal COVID-19 e l’effettiva fattibilità dell’introduzione di misure significative di prevenzione e controllo delle infezioni. Già prima della pandemia, molti sistemi carcerari hanno lottato anche per soddisfare i bisogni primari dei detenuti e garantire la salute del carcere. Spazio sufficiente, alimentazione e acqua potabile, accesso a prodotti sanitari e strutture sanitarie decenti, nonché un’adeguata ventilazione negli alloggi e nelle aree di lavoro, non sono un dato di fatto in molte carceri in tutto il mondo. E l’accesso a dispositivi di protezione individuale (DPI), termometri a infrarossi o capacità di prova specifiche per COVID-19 è difficile.

Questi fattori sono aggravati dal profilo di salute tipicamente più debole delle popolazioni carcerarie, inclusa una maggiore prevalenza di malattie trasmissibili e non trasmissibili. Il principio dell’equivalenza delle cure, che dovrebbe fornire ai detenuti l’accesso gratuito ai servizi sanitari e di standard simili a quelli forniti nella comunità, non è garantito in molti paesi. È inoltre fondamentale che vengano rispettate le norme internazionali, in particolare le Regole minime standard delle Nazioni Unite per il trattamento dei prigionieri, le cosiddette Regole di Nelson Mandela. L’atmosfera nelle carceri è diventata tesa in molti paesi, ulteriormente alimentata da ansie, paure e incertezze sia tra i detenuti che tra i funzionari penitenziari. Le rivolte carcerarie e altri incidenti di sicurezza in circa 50 paesi hanno dimostrato l’importanza di comunicare intorno a COVID-19 in modo trasparente e, per quanto possibile, con il coinvolgimento attivo dei prigionieri. Le misure adottate in molti paesi hanno tipicamente portato a un ulteriore irrigidimento dei regimi carcerari, compresa la sospensione delle visite e un accesso molto limitato, se non del tutto, ai programmi di riabilitazione e ad altre attività costruttive al di fuori delle aree di alloggio. Non essere in grado di vedere famiglie e bambini per lunghi periodi di tempo, ha un grave impatto sulla salute mentale e sul benessere dei detenuti, comprese madri e padri incarcerati, e aggrava in modo significativo la sofferenza insita in una situazione di detenzione.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter