Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

L’ONU torna alla carica con gli Stati Uniti: “La pena di morte è abominevole” va abolita

Le Nazioni Unite mettono fretta a Biden a fare tutto quanto in suo potere per porre fine alle esecuzioni nel braccio della morte negli USA

Unsplash / Emiliano Bar Celle di prigione dell'ex penitenziario di Alcatraz a San Francisco, California.

Gli esperti dei diritti umani delle Nazioni Unite hanno invitato il presidente Biden a fare tutto quanto in suo potere per porre fine alle esecuzioni negli Stati Uniti, sia a livello federale che statale. “La pena di morte è una pratica abominevole. Non ha alcun valore deterrente e non può essere riconciliato con il diritto alla vita”, hanno detto gli esperti. La punizione è “intrinsecamente imperfetta” e ha colpito in modo sproporzionato gli afroamericani e le persone che vivono in povertà, hanno affermato. Le garanzie del giusto processo sono state violate anche dalla pratica, hanno affermato gli esperti dei diritti, prima di chiedere al signor Biden di concedere la grazia a 48 persone, molte nel braccio della morte per un decennio o più. “Questo dovrebbe essere solo un primo passo”, hanno dichiarato gli esperti. “Esortiamo inoltre il presidente, così come i membri del Congresso, a sostenere con forza gli sforzi legislativi per abolire formalmente la pena di morte a livello federale”. Hanno sostenuto che il presidente “dovrebbe prendere in considerazione tutte le altre possibili azioni a livello federale, tra cui dirigere il Dipartimento di giustizia per smettere di chiedere la pena di morte e ritirare gli avvisi di intenzione di chiedere la pena di morte nei casi in corso”.

Gli esperti avevano precedentemente sollevato il caso di Lisa Montgomery che è stata giustiziata nonostante sia stata vittima di un livello estremo di abusi fisici e sessuali per tutta la vita e avendo una condizione di salute mentale, due fatti essenziali che il processo legale non ha considerato in modo significativo. “Chiediamo al presidente Biden di concedere con urgenza la grazia alle 48 persone attualmente nel braccio della morte per crimini federali, la maggior parte delle quali è nel braccio della morte da un decennio o più. “Questo dovrebbe essere solo un primo passo. Esortiamo inoltre il Presidente, così come i membri del Congresso, a sostenere con forza gli sforzi legislativi per abolire formalmente la pena di morte a livello federale. “Nel frattempo, il presidente Biden dovrebbe prendere in considerazione tutte le altre possibili azioni a livello federale, tra cui dirigere il Dipartimento di Giustizia di smettere di chiedere la pena di morte e ritirare gli avvisi di intenti a chiedere la pena di morte nei casi in corso.

Altre migliaia di persone rimangono nel braccio della morte statale in tutto il paese e diverse esecuzioni sono previste a livello statale nel 2021. Nel loro appello per misure concrete per fermare la pratica, gli esperti hanno esortato i legislatori a considerare di collegare i finanziamenti federali a condanne alternative e vietare la vendita e il trasporto di sostanze chimiche utilizzate nelle iniezioni letali. Sebbene 108 paesi abbiano abolito la pena capitale, il 60% della popolazione mondiale vive nei 48 paesi che la mantengono, come Cina, India e Iran. “Non c’è tempo da perdere con migliaia di persone nel braccio della morte dello stato in tutto il paese”, hanno detto, chiarendo di aver scritto alla Casa Bianca per esprimere le loro preoccupazioni. L’elenco completo degli esperti coinvolti si trova in fondo al comunicato stampa rilasciato dall’ufficio per i diritti umani, OHCHR, qui. I Relatori Speciali, Esperti Indipendenti e Gruppi di Lavoro fanno parte di quelle che sono conosciute come le Procedure Speciali del Consiglio per i Diritti Umani. Gli esperti non fanno parte del personale delle Nazioni Unite e non ricevono uno stipendio per il loro lavoro. Sono indipendenti da qualsiasi governo o organizzazione e servono a titolo individuale.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter