Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

ONU: migliaia di persone in fuga dopo gli attacchi nel nord del Mozambico

La situazione rimane instabile e più di 9.100 persone di Cabo Delgado, di cui quasi la metà bambini, sono in cerca di sicurezza

UNICEF / Mauricio Bisol Due donne camminano in un campo per sfollati interni a Cabo Delgado, Mozambico.

Più di 9.100 persone – di cui quasi la metà bambini – sono arrivate nei distretti di Nangade, Mueda, Montepuez e Pemba. Circa due terzi alloggiano presso famiglie ospitanti. E altre migliaia di persone si stanno spostando nella foresta in cerca di sicurezza. Lo ha spiegato l’Ufficio dell’OCHA delle Nazioni Unite.

L’aumento della violenza a Cabo Delgado ha anche avuto un grave impatto sui servizi sanitari, mettendo in pericolo circa 950 donne incinte sfollate senza accesso a un parto sicuro e ai servizi di assistenza ostetrica di emergenza salvavita, secondo il Fondo delle Nazioni Unite per la popolazione (UNFPA). Ci sono anche profonde preoccupazioni che migliaia di donne possano aver bisogno di cure in risposta alla violenza sessuale e di genere.

Le agenzie e i partner delle Nazioni Unite, in stretto coordinamento con il governo, hanno intensificato il loro sostegno agli sfollati, distribuendo razioni di cibo, coperte, materassi e kit didattici, oltre a fornire supporto medico e psicosociale. Le agenzie di protezione stanno anche esaminando i nuovi arrivati per identificare le autorità più vulnerabili e di supporto con i rinvii.

Il servizio aereo umanitario delle Nazioni Unite (UNHAS), gestito dal Programma alimentare mondiale (WFP), continua a sostenere gli sforzi di evacuazione, e fino al 31 marzo ha trasportato in sicurezza più di 380 persone. Il 1° aprile, una barca che trasportava 1.300 persone è arrivata nella città di Pemba (circa 280 chilometri o 175 miglia a sud di Palma), dove le agenzie e partner dell’Onu hanno offerto assistenza. Il governo ha anche istituito un centro di transito e le agenzie e i partner delle Nazioni Unite stanno sostenendo gli sforzi di ricongiungimento familiare.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter