Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Unesco, nelle scuole d’Europa oltre la metà degli LGBTQI è vittima di bullismo

 Nella Giornata internazionale contro l'omofobia, la bifobia e la transfobia, si pone l'accento sull'inclusività: la pandemia peggiora gli episodi di emarginazione

New York City Gay Pride Parade 2011, Greenwich Village, New York City (Flickr, Vivienne Gucwa)

In un sondaggio dell’UNESCO pubblicato nella Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, su oltre 17.000 giovani di età compresa tra 13 e 24 anni, il 54% delle persone lesbiche, gay, bisessuali, transgender e intersessuali ha dichiarato di essere stato vittima di bullismo almeno una volta per il proprio orientamento sessuale o identità di genere.

Tutti dicono che puoi essere chi vuoi, puoi essere libero e puoi esprimerti… ma poi se provi a essere diverso, ottieni un contraccolpo“, ha detto uno studente di 19 anni che ha partecipato al sondaggio.

Gli atteggiamenti discriminatori sono molto diffusi e l’83% degli studenti ha riferito di aver sentito commenti negativi sui LGBTQI, mentre il 67% ha affermato di essere stato oggetto di commenti sgradevoli almeno una volta.

I risultati del Global Education Monitoring Report dell’UNESCO hanno indicato che quasi sei studenti su 10 “non hanno mai segnalato episodi di bullismo a nessuno dello staff scolastico” e meno di due su 10 lo hanno fatto in modo sistematico.

Due amici sostengono i diritti LGBT durante il Gay Pride Day a New York City, 2018 (UN News / Elizabeth Scaffidi)

Molti insegnanti non hanno la fiducia e le conoscenze per supportare gli studenti LGBTQI“, ha evidenziato il rapporto. “L’istruzione non è solo matematica e parole“, ha affermato Manos Antoninis, che ha diretto il rapporto. “Le scuole devono essere inclusive se vogliamo che la società sia inclusiva. Se ai bambini viene insegnato che solo un certo tipo di persona è accettata, ciò influenzerà il modo in cui si comportano nei confronti degli altri”.

Nonostante molti paesi abbiano adottato un approccio più inclusivo nei confronti di tutti gli studenti, “molti studenti LGBTQI si sentono ancora insicuri a scuola”.

Secondo Jonathan Beger, direttore esecutivo ad interim di IGLYO, c’è il timore che l’isolamento e il passaggio all’interazione online dello scorso anno aumenti maggiormente il bullismo e l’emarginazione.

Facendo eco alle preoccupazioni per le persone LGBTQI, il direttore generale dell’UNESCO Audrey Azoulay ha avvertito dei crescenti rischi, mentre continuano le restrizioni dovute alla pandemia Covid-19. “I giovani in particolare, a causa della persistenza del pregiudizio nella loro famiglia o nell’ambiente sociale, a volte vengono minacciati di essere cacciati dalle loro case e si trovano in difficoltà… Inoltre, poiché il lavoro delle organizzazioni di volontariato è complesso, è probabile che le persone LGBTI non abbiano persone fidate con cui parlare“.

New York City Gay Pride Parade 2011, Greenwich Village, New York City – 17 (Flickr, Vivienne Gucwa)

Le relazioni omosessuali rimangono illegali in più di 70 paesi e secondo l’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, UNHCR, anche i membri rifugiati della comunità LGBTQI affrontano rischi particolari.

In un appello per porre fine agli abusi quotidiani e all’umiliazione subiti da lesbiche, gay, bisessuali, transgender, intersessuali e queer, il capo dell’UNHCR Filippo Grandi ha anche avvertito che in sei paesi, coppie dello stesso sesso rischiano la condanna a morte. Dunque, ha esortato i paesi ad aprire la porta alle persone LGBTIQ+ bisognose di rifugio, sottolineando che in molti casi la discriminazione inizia nella propria casa.

Un esempio è proprio quello della prima sostenitrice trans dell’UNHCR, Bianka Rodriguez da El Salvador, che in passato è stata “maltrattata dalla stessa madre e vittima di bullismo a scuola. E oggi, si batte e lavora per le persone maltrattate per il loro orientamento sessuale.

 

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter