Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

I rifugiati si integrano grazie al calcio: Uefa e Unhcr firmano un accordo

Data la capacità dello sport di unire persone provenienti da Paesi diversi, i due enti hanno siglato un patto per sostenere il loro accesso allo sport

Filippo Grandi e Michele Uva (Uefa)

Uefa e UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati, hanno firmato un protocollo di cooperazione per sostenere l’accesso dei rifugiati allo sport e migliorare l’inclusione sociale.

L’accordo impegna le due organizzazioni a stabilire iniziative a lungo termine per sostenere i rifugiati e gli sfollati, sfruttando il potere di trasformazione del calcio per assistere e difendere i loro diritti e rafforzare la loro integrazione nelle comunità ospitanti.

“Non importa in quale parte del mondo io vada per l’UNHCR, i campi profughi, gli insediamenti, i paesi e le città, vedo come il calcio ha la straordinaria capacità di unire le persone attorno ad una passione comune. Attraverso la nostra partnership con la UEFA, speriamo di utilizzare il potere del calcio per mettere in contatto gli sfollati e le comunità che li ospitano”, ha affermato Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati. “Lo sport offre l’opportunità di includere i bambini e i giovani rifugiati e ha anche il potere di trasformazione per ricostruire vite e ispirare valori positivi “, ha aggiunto.

Per il presidente UEFA, Aleksander Čeferin, il protocollo di cooperazione “è un modo efficace per rafforzare ulteriormente il calcio come potente strumento per promuovere l’inclusione sociale sostenibile dei rifugiati e rafforzare la coesione sociale.La partnership con l’UNHCR si basa sul già ampio lavoro della UEFA in questo settore, anche attraverso iniziative e programmi della UEFA Foundation for Children. “Soprattutto, le nostre attività congiunte avranno un impatto reale sulla vita quotidiana dei rifugiati e di altre persone sfollate con la forza”.

Il direttore di ‘Football & Social Responsability’ della UEFA, Michele Uva, ha aggiunto che “la partnership istituzionale con l’UNHCR sottolinea l’impegno della UEFA nei confronti del nuovo pilastro della responsabilità aggiunto della strategia UEFA e delle sue politiche specifiche di sostegno e inclusione dei rifugiati, che riflettono la nostra responsabilità di garantire il sostegno del calcio europeo a questi importanti temi per la società civile”.L’accordo è stato firmato dall’Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati,Filippo Grandi e il direttore di ‘Football & Social Responsability’ della UEFA, Michele Uva, mercoledì presso la sede dell’UNHCR a Ginevra.

(Agi)

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter