Cerca

OnuOnu

Commenti: Vai ai commenti

Guterres: “L’iniquità dei vaccini sta dando alle varianti un pass gratuito per scatenarsi”

Nella conferenza di fine anno il Segretario generale Onu striglia i paesi ricchi per le disuguaglianze che mettono in pericolo anche le istituzioni democratiche

Se le cose non migliorano velocemente ci aspettano tempi ancora più difficili”. È l’avvertimento di fine anno che arriva dal Palazzo di Vetro di New York. Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Antonio Guterres, sfrutta la sua ultima occasione del 2021, non tanto per augurare Buon Natale, ma per strigliare ancora una volta i leader del pianeta: “Non possiamo sconfiggere una pandemia in modo scoordinato“.

Non è stato fatto abbastanza per raggiungere il 70% dei vaccinati nel mondo entro la metà del 2022: 98 paesi rischiano di mancare l’obiettivo stabilito dall’Organizzazione mondiale della Sanità; 40 nazioni ancora non sono state nemmeno in grado di vaccinare il 10% della loro popolazione e nei paesi a basso reddito, meno del 4% della popolazione è immunizzato.

L’iniquità dei vaccini sta dando alle varianti un pass gratuito per scatenarsi, – ha detto Guterres – devastando la salute delle persone e delle economie in ogni angolo del globo“. Secondo l’OMS, i tassi di vaccinazione nei paesi ad alto reddito sono 8 volte superiori a quelli dei paesi africani e ai ritmi attuali, il continente non raggiungerà la soglia del 70% fino ad agosto 2024. “Sta diventando chiaro che i vaccini da soli non elimineranno la pandemia”, ma stanno solo “scongiurando il ricovero e la morte per coloro che li ottiene e rallentando la diffusione, ma le trasmissioni non mostrano alcun segno di cedimento” ha spiegato il capo dell’Onu.

I paesi in Africa hanno avuto accesso ai vaccini attraverso il COVAX Facility. (@OMS)

Guterres ha anche denunciato gli sforzi di ripresa “sbilanciati“, che stanno accelerando le disuguaglianze. Le economie avanzate hanno mobilitato quasi il 28 per cento del loro prodotto interno lordo nella ripresa economica. Ma per i paesi a reddito medio, il numero è sceso al 6,5 per cento, ed è crollato all’1,8 per cento per i paesi meno sviluppati.

Con l’inflazione che sale ai massimi da 40 anni negli Stati Uniti e cresce in altri paesi del mondo, Guterres prevede che i tassi di interesse aumentino, imponendo maggiori vincoli fiscali ai paesi meno sviluppati. “Il sistema finanziario globale di oggi sta sovraccaricando le disuguaglianze e l’instabilità” ha spiegato il Segretario Generale. Di conseguenza, le disuguaglianze continuano ad ampliarsi, lo sconvolgimento sociale e la polarizzazione continuano a crescere. Per Guterres, “questa è una polveriera per disordini sociali e instabilità” e rappresenta “un chiaro e presente pericolo per le istituzioni democratiche“. Per questo motivo, “è tempo di assumere chiaramente la necessità di una riforma del sistema finanziario internazionale“.

Durante la conferenza stampa, è stata posta a Guterres una domanda sulla Libia. Ad una settimana dalle elezioni, i crescenti segnali indicano che potrebbero essere rimandate, ma il Segretario “incrocia le dita” e ha spiegato che il nuovo consigliere speciale, Stephanie Williams, “sta facendo tutto il possibile per superare gli ostacoli“. “Fino a sabato è in visita in tutte le zone del Paese cercando di creare le condizioni per una mediazione efficace per il consenso – ha detto. “Domenica incontrerà il capo del comitato elettorale e il capo della magistratura e anche un rappresentante del ministero dell’Interno“.

Iscriviti alla nostra newsletter / Subscribe to our newsletter